SHARE

delneri

Una stagione storta, un’annata disgraziata. Tanto è bastato all’Hellas Verona per retrocedere in Serie B addirittura con anticipo rispetto alla naturale conclusione del campionato. Con grossa sorpresa infatti gli scaligeri hanno pagato caramente il passaggio a vuoto di quest’anno dopo le ultime annate che ne avevano invece esaltato solidità e gioco mettendo in particolare rilievo un giovanotto oggi giunto quasi alla soglia delle 39 primavere: Luca Toni. Il bomber del Verona, dopo aver collezionato il suo secondo titolo di capocannoniere della Serie A ha messo insieme solamente 5 reti incappando anche in qualche divergenza con l’allenatore Luigi Delneri. Ad ogni modo il gigante del Verona, campione del mondo nel 2006 nei giorni scorsi ha annunciato il suo ritiro ed oggi anche Delneri in conferenza stampa alla vigilia della gara di domani ha chiesto il giusto saluto per il suo numero 9, specificando che certe scelte possono anche portare a dei malumori: ” Con l’addio al calcio di Toni il calcio perde un protagonista assoluto, motivo per il quale è giusto dargli il saluto che merita. Il mio rapporto con lui? Spesso alcune scelte possono portare a dei malumori, ma alla base c’è sempre stato rispetto reciproco, non è vero comunque che ci sono state particolari tensioni. L’allenatore non è mai amico dei giocatori e viceversa. Come Totti o Di Natale ha fatto tanto per il calcio italiano, ma gli anni passano pure per lui”.

CONTRO LA JUVE – Domani il Verona ospiterà la Juventus e Delneri spera che la sua squadra scaligera possa congedarsi dal proprio pubblico prima di ripartire dal prossimo campionato di Serie B: “Devo ringraziare i tifosi che ci hanno sostenuto sino alla fine del campionato nonostante le cose non stessero andando bene. Il nostro obiettivo adesso è quello di battere la Juventus per poter così onorare al meglio questa nostra stagione davanti ai nostri tifosi”

SHARE