SHARE
Jorge Lorenzo in azione a Le Mans. Fonte: Twitter @MotoGP
Jorge Lorenzo in azione a Le Mans. Fonte: Twitter @MotoGP
Jorge Lorenzo in azione a Le Mans. Fonte: Twitter @MotoGP

Jorge Lorenzo conquista la pole position del Gp di Francia sul circuito di Le Mans, quinta prova del mondiale 2016. Lo spagnolo campione del mondo in carica precede in griglia l’attuale leader del mondiale Marc Marquez e Andrea Iannone con la prima delle Ducati. La seconda fila è aperta dal sorprendente Pol Espargaro con la Yamaha del team Tech3, davanti a Dovizioso e al compagno di squadra Smith. Rossi deludente settimo, Petrucci decimo, Pedrosa undicesimo.

Al termine della Fp4, i piloti potenzialmente eliminati sono l’italiano Danilo Petrucci, al rientro dopo l’infortunio alla mano, il compagno di squadra Scott Redding, Barbera, Bautista, Baz, Rabat, Miller, Bradl, Hernandez, Laverty e a sorpresa il pilota della Suzuki Aleix Espargaro. Al termine della Q1, che assegna gli ultimi due posti per l’assalto alla pole position, la spuntano proprio il centauro della Suzuki ed il rientrante italiano, che raggiungono i big già qualificati per la Q2.

La Q2 è subito infiammata da Jorge Lorenzo, che pronti-via piazza un 1.32.236 avvicinato solamente da Andrea Iannone, staccato di poco più di 2 decimi. Alle loro spalle si piazza Valentino Rossi, mentre Marquez commette un errore e rimane attardato. Cade invece Pedrosa, con la moto che rimane pericolosamente in mezzo alla pista mentre sopraggiungono altri piloti. Il secondo tentativo è invece fatale ad Andrea Iannone, che cade addirittura nel giro di lancio. Il pilota della Ducati riesce a rientrare al box in tempo per effettuare un ultimo tentativo con la seconda moto. Gli ultimi minuti non vedono minimamente in discussione la pole di Lorenzo, mentre si accende la battaglia per gli altri due posti in prima fila: prima Pol Espargaro e poi Andrea Dovizioso strappano il terzo posto a Valentino Rossi, mentre lo stesso Lorenzo si migliora ulteriormente ritoccando il proprio tempo di altri 2 decimi stabilendo il nuovo recor della pista in 1.31.975. Nel finale si sveglia Marc Marquez, secondo, mentre il sorprendente Pol Espargaro strappa la piazza 4 a Dovizioso. Non si migliora Rossi, che chiude settimo davanti aViñales. Chiudono la top 10 Crutchlow e Petrucci, davanti al deludente Pedrosa e all’altra Suzuki di Aleix Espargaro.

Il campione del mondo in carica è il grande favorito per la gara di domani, avendo messo in mostra nel corso delle prove libere un passo gara nettamente migliore rispetto ai rivali. In tal senso sembra invece molto aperta la lotta per i diretti inseguitori, con il nuovo Marquez in versione “ragioniere” deciso a non correre eccessivi rischi per mantere intatta la leadership nel mondiale, mentre la Ducati sul passo gara non sembra altrettanto in palla rispetto al giro secco. Tutto da decifrare il rendimento di Valentino Rossi, che nel corso della carriera ha abituato i propri tifosi a decisi passi avanti la domenica, anche quando il ritmo mostrato nelle libere non lasciava sperare granchè.

SHARE