SHARE
L'esultanza di Mauro Icardi dopo il rigore realizzato. FONTE-FcInter1908
L'esultanza di Mauro Icardi dopo il rigore realizzato. FONTE-FcInter1908
L’esultanza di Mauro Icardi dopo il rigore realizzato. FONTE-FcInter1908

L’attaccante dell’Inter Mauro Icardi, ai microfoni de La Nacion, ha parlato della differenza di trattamento nei suoi confronti che c’è tra Italia e Argentina. Come riporta Fcinternews.it, l’attaccante nerazzurro si sfoga con toni abbastanza accesi riguardo l’argomento e ne ha anche per il ‘Tata’ Martino, tecnico dell’Albiceleste. Queste le parole di Icardi: “Sono qui da tre anni e faccio notizia solo per quello che faccio sul campo, danno valore al mio rendimento calcistico. Della mia storia d’amore se ne è parlato, ma è terminato tutto. In Argentina invece cercano solo di gettare merda su di me. Mister Gerardo Martino dice che devo andare oltre il discorso extrasportivo? Io il lunedì faccio parlare sui giornali per i gol, non per la mia storia con Wanda Nara. Qui tutti si chiedono perché non gioco per l’Argentina, anche i miei compagni. Posso essere un giocatore buono, mediocre o pessimo, come volete voi, ma almeno faccio gol ed è quello che conta. Qui tutti, dai dirigenti ai giornalisti fino ai cuochi, mi chiedono sempre: ‘Ma ti chiamano in Nazionale? Perché non ci sei?’ Io rispondo ‘Vedremo quando mi chiamano’ e loro insistono: ‘Fai un sacco di gol e non ti convocano?’. Non so cosa rispondere“.

“In Italia ogni discorso si riferisce al campo, ormai nessuno mi chiede più nulla della mia vita privata. In Argentina è tutto il contrario, non si riferiscono a me perché faccio gol ma perché sto con Wanda, per loro sono quello che ha sottratto la donna all’amico. Ma io non ho tolto la donna a nessuno: eravamo compagni come lo sono adesso con altri 25 e lo sarò ancora con altri 25 l’anno prossimo. Abbiamo mangiato un asado insieme essendo connazionali, poi basta. Se lui poi trascura la moglie e poi è successo che lei si è messa con me… Questo succede in Argentina, cercano sempre le cose peggiori per parlare male”.

SHARE