SHARE
Francesco Totti, Roma - Fonte account Twitter ufficiale Francesco Totti
Francesco Totti, Roma - Fonte account Twitter ufficiale Francesco Totti
Francesco Totti, Roma - Fonte account Twitter ufficiale Francesco Totti
Francesco Totti, Roma – Fonte account Twitter ufficiale Francesco Totti

Sergio Pellissier ha ormai raggiunto la soglia dei 37 anni, ma non ha ancora nessuna intenzione di smettere di giocare. Così come Francesco Totti, che oggi si ritroverà davanti come avversario all’Olimpico. Il capitano del Chievo Verona, intervistato da Sky Sport nel prepartita, ha parlato proprio del capitano giallorosso e della voglia di continuare a giocare che i due hanno in comune: “Totti tocca le 600 presenze in serie A? Beh è veramente tanto, io sto per toccare le 400 mentre lui ne ha 200 in più di me, questo fa capire quanto abbia dato a questo calcio e quanto ci tenga a fare bene. Questo gli fa onore, è normale che uno potrebbe tirare le redini ed andare in pensione, invece lui vuole rimanere a giocare e gli fa onore. Abbiamo la stessa voglia di giocare, sarebbe stato brutto perdere un giocatore cosi, è il Federer del calcio italiano. Quando lo vedi giocare ti diverti, in un calcio come questo perdere uno come lui sarebbe stato brutto”. Un paragone importante ed azzeccato quello dell’attaccante veronese che vede in Totti uno dei calciatori italiani più forti di tutti i tempi: uno di quelli di cui fai fatica a dimenticarti e che rimarrà nella storia del calcio italiano e mondiale per molto tempo.

Nella squadra di Verona ormai dalla stagione 2002-2003, Pellissier non ha nessuno voglia di mollare. Il capitano del Chievo vuole continuare a dire la sua e vuole continuare ad aiutare i suoi compagni nonostante l’età non gli consenta più di fornire lo stesso apporto di qualche anno fa. L’attaccante con la maglia del Chievo ha totalizzato 443 presenze tra campionato, Coppa Italia e le coppe europee, mettendo a segno 123 reti. Non poche per un ragazzo che dalla serie C1 è arrivato direttamente alla Serie A in un solo colpo. L’amore per Verona e per la maglia che indossa ormai da 14 anni lo avvicina a Totti e a tutte quelle bandiere del calcio in via di estinzione. Pellissier però non vuole mollare e, per questo, si complimenta e onora il capitano della Roma.

SHARE