SHARE

valentino rossi

Dopo il trionfo di Jerez, in Francia Valentino Rossi è stato nettamente battuto dal compagno di squadra Jorge Lorenzo, autentico dominatore per tutto il week end e primo con distacco a transitare sotto la bandiera  a scacchi ieri pomeriggio.
Nelle consuete interviste del dopo gara, Rossi non ha perso l’occasione per lanciare, tra il serio e il faceto, una frecciata nei confronti del compagno di box, che in Spagna dopo la corsa affermò di non aver ripreso il rivale per via di un problema con i pneumatici Michelin. Valentino dunque stuzzica il rivale, segno che anche per la stagione 2016 il sogno mondiale è vivissimo, a maggior ragione dopo la gara di ieri che ha visto i due piloti Yamaha accorciare la classifica grazie alla caduta di Marquez, scavalcato da Lorenzo in vetta e avvicinato da Rossi.

LE PAROLE DI ROSSI –  “Volevo dire che quando sono arrivato secondo mi è cominciato a spinnare la gomma dietro nel rettilineo, sennò avrei vinto com ampio margine! A parte gli scherzi qui Jorge andava davvero fortissimo, non eravamo tanto lontani ma qui secondo me lui ha qualcosa in più. Bella rimonta comunque, con dei bei sorpassi. E’ stata colpa mia perché ieri ho fatto un errore e mi sono giocato la prima fila e oggi sono anche partito male. Se si vogliono vincere le gare bisogna essere più bravi, bisogna essere competitivi già da sabato mattina e fare la prima fila. Questi 20 punti valgono oro perché ci avvicinano alla vetta, ora siamo tutti e tre vicini quindi bello”.

LE PAROLE DI LORENZO – “Negli ultimi giri ho potuto rallentare, ma soprattutto all’inizio non mi sentivo bene in staccata. All’inizio della gara il mio ritmo era simile a quello degli altri, poi sono riuscito a fare la differenza. Fondamentale che Marquez sia caduto perché finora non aveva mai commesso errori a differenza di me e Valentino”

LE PAROLE DI MARQUEZ –  “Spingiamo tanto in staccata per recuperare quello che perdiamo in accelerazione. E alla fine spingendo spingendo… Peccato perché il podio era là, questa comunque è una delle piste più difficili per noi. Il problema è che le Michelin cambiano tantissimo dalle libere alla gara e lo spettacolo in pista sta anche diminuendo. Speriamo di migliorare in futuro”

 

SHARE