SHARE
Nicola Rizzoli arbitro
Nicola Rizzoli arbitro
Nicola Rizzoli arbitro
Nicola Rizzoli arbitro

Nicola Rizzoli è stato ospite della “Domenica Sportiva” nella serata di ieri. E’ raro vedere un arbitro che va a parlare in televisione, ma evidentemente Rizzoli ha le spalle larghe per poter sopportare una pressione del genere, dato che nel corso della carriera ha avuto a che fare con l’arbitraggio di alcune delle partite più complicate in assoluto.

Sono tanti i temi affrontati dall’arbitro bolognese, a partire dalla cd. sudditanza psicologica di cui sarebbero vittima i direttori di gara quando arbitrano una grande squadra contro una piccola: “La sudditanza psicologica non esiste per me e posso mettere la mano nel fuoco anche per i miei colleghi, anche se chiaramente può esserci chi ha un carattere più debole e chi più forte. Vi posso dare un esempio concreto: qualche settimana fa dopo la partita con la Fiorentina, il presidente dell’Empoli è venuto negli spogliatoi a farci i complimenti dicendoci proprio che avevamo dimostrato di non avere alcuna forma di sudditanza”.  Torna a parlare anche della contestata direzione del derby di Torino: “Non è stata una delle mie migliori prestazioni, riconosco di non aver fatto bene e ammetto di poter migliorare”. Anche se Rizzoli non ha alcuna intenzione di scusarsi per l’arbitraggio.

Stupisce l’attacco ai moviolisti: “La moviola non risolve i problemi in campo, anzi se vedete i moviolisti in tv, quando danno una sentenza, si trovano il 50% delle persone a favore e il 50% delle persone contro. E’ proprio questo il loro gioco, vengono pagati per fare polemica“. Attacco piuttosto duro, considerando che tutti coloro che nelle trasmissioni televisive curano la moviola sono ex arbitri e quindi sono stati colleghi di Rizzoli. Rizzoli affronta lo spinoso tema della moviola in campo, e collegandosi a ciò che diceva prima afferma che questa non risolverebbe i problemi. Secondo Rizzoli, l’arbitro non può essere sostituito da un robot, a causa della passione che mette in campo, anche se potrebbe fallire in alcune circostanza.

SHARE