SHARE

serie-a

Ecco tutti gli squalificati per l’ultima giornata di questo campionato di Serie A: Carpi letteralmente distrutto, anche Inter, Torino e Fiorentina perdono giocatori importanti. Punito il Verona per cori razzisti contro Cuadrado.

Il Giudice Sportivo della Serie A ha rilasciato qualche ora fa il comunicato riguardante tutti gli squalificati per la prossima giornata. Ebbene, più che un documento pare un bollettino di guerra: sono addirittura venti i calciatori coloro i quali saranno costretti a saltare l’ultima giornata della stagione 2015-2016 del campionato italiano.

Per quanto riguarda gli espulsi, la Lazio perderà sia Biglia che Djordjevic, il Bologna Diawara, mentre la Juventus dovrà fare a meno di Alex Sandro. Carpi letteralmente decimato in vista dell’ultimo scontro salvezza in casa dell’Udinese: Castori infatti dovrà rinunciare a Lollo, Letizia, Poli e Romagnoli, perdendo di fatto quattro titolari in una botta sola. Per i felsinei, precedentemente citati, tra gli squalificati figura anche il diffidato Oikonomou. “Doppietta” anche per Torino, Inter e Fiorentina: i granata perdono l’espulso Vives e il diffidato Bovo, i nerazzurri il portiere Handanovic e l’ala Perisic, la viola l’ormai ex Pasqual e Borja Valero. Salteranno l’ultima giornata anche Raul Albiol del Napoli, Berardi del Sassuolo, Buchel dell’Empoli, De Maio del Genoa e Kuzmanovic dell’Udinese.

Per quanto concerne invece la situazione delle sanzioni per i club c’è da segnalare anche la chiusura, con sospensiva per un anno, per la curva del Verona: durante la gara contro la Juventus, infatti, alcuni pseudo-tifosi si sarebbero resi protagonisti di alcuni “buu” razzisti nei confronti dei giocatori di colore del club Campione d’Italia, in particolare di Cuadrado. Lo stesso dg della Juventus, Giuseppe Marotta, è stato colto da diffida “per avere rivolto espressioni irrispettose ai collaboratori della Procura federale”, proprio nell’occasione dei cori razzisti: Marotta chiedeva infatti, forse troppo veementemente, la sospensione della gara a seguito di tale evento.

SHARE