SHARE

Walter Mazzarri

Walter Mazzarri è fermo ai box da quasi due anni: l’ex allenatore dell’Inter, esonerato in favore di Roberto Mancini, ha approfittato del suo periodo sabbatico per imparare l’inglese e tenersi sempre al passo con i tempi, che adesso sembrano maturi per un suo ritorno in panchina. Come riportato dal Telegraph, quotidiano d’oltremanica, il Watford della famiglia Pozzo sembra totalmente convinto riguardo alla bontà dell’operazione che consentirebbe di portare Mazzarri ad allenare in Premier League per portare la squadra a lottare in alto. L’allenatore di San Vincenzo ci sta pensando su, soppesando l’offerta: nella sua carriera, che è stata un continuo crescendo a livello di blasone, l’approdo in una squadra di secondo piano della Premier League sarebbe sicuramente un passo indietro dopo le esperienze di Napoli ed Inter.

Le indiscrezioni arrivano anche dal fatto che da diversi mesi Mazzarri è nel Regno Unito, a Manchester, dove si è recato per  migliorare il suo inglese, lingua ormai fondamentale nel calcio odierno per comunicare in prima persona con i propri calciatori. L’allenatore toscano nel corso degli ultimi anni è stato spesso accostato ad altri club di Premier League come Swansea e Sunderland, senza mai trovare un’intesa con le società: nel caso dovesse accettare l’offerta del Watford si tratterebbe dunque di un piano solido sia dal punto di vista tecnico che da quello economico. Rimane comunque uno scoglio, quello rappresentato dall’attuale allenatore Sanchez Flores, in merito al quale i tabloid anglosassoni parlano di una clausola nel contratto che permetterebbe il divorzio immediato all’attuale allenatore madrileno che non ha incantato nel corso della  stagione.

Walter Mazzarri si appresta dunque ad effettuare il rientro in pista: in Italia o all’estero difficilmente il toscano rimarrà senza una squadra da allenare, e così facendo potrà far ricredere l’Inter che, a suo parere, l’ha allontanato “ingiustamente” al fronte di un operato comunque buono, come spiegato in un’intervista di qualche tempo fa ad un quotidiano nipponico.

SHARE