SHARE
Valerio Verre, Italia U21 - Fonte account Twitter ufficiale Italia
Valerio Verre, Italia U21 - Fonte account Twitter ufficiale Italia
Valerio Verre, Italia U21 - Fonte account Twitter ufficiale Italia
Valerio Verre, Italia U21 – Fonte account Twitter ufficiale Italia

La Fiorentina si è già messa al lavoro per sistemare la squadra in vista della prossima stagione, e uno degli obiettivi del club dei Della Valle è Valerio Verre. Il centrocampista romano classe 94′ è da tempo nel mirino dei toscani, che sembrano sempre più vicini alla chiusura della trattativa. I dirigenti della Viola hanno seguito a lungo Verre negli ultimi anni a partire dai prestiti a Genova, Siena e Udine fino all’esplosione in Serie B con la maglia del Pescara; adesso sarebbe arrivato il momento giusto per agire, con il placet anche della famiglia Pozzo che attualmente detiene il cartellino del centrocampista cresciuto a Roma.

VERRE IN FIORENTINA Verre è un centrocampista intelligente, molto bravo negli inserimenti, in grado di leggere il gioco ma anche di impostare l’azione, ottimo sia in fase offensiva che in quella difensiva. Un giocatore, quindi, che potrebbe fare comodo a Sousa e al suo sistema di gioco, che si basa molto sulla qualità di palleggio dei singoli a centrocampo. Un centrocampista che, come dimostrato a Pescara, affiancato da altri giocatori tecnici è in grado di fare la differenza. La sua capacità di buttarsi negli spazi e andare a rete potrebbe inoltre sopperire alle giornate no di Kalinic e, in generale, degli attaccanti viola, che nella seconda parte di campionato hanno faticato molto a trovare la via del gol.

Parallelo a questa trattativa il caso Milan Badelj: l’entourage del croato si incontrerà a breve con i dirigenti della Fiorentina per sciogliere le riserve sul futuro del calciatore, nel caso in cui si dovesse registrare una rottura definitiva i viola potrebbero accelerare i tempi per l’arrivo di Verre, conteggiando eventualmente la plusvalenza derivante dalla vendita del numero 5 dei toscani, strizzando così l’occhio anche al mercato azzurro.

SHARE