SHARE
Massimo Moratti, Inter - Fonte Twitter account ufficiale Inter
Massimo Moratti, Inter - Fonte Twitter account ufficiale Inter
Massimo Moratti, Inter - Fonte Twitter account ufficiale Inter
Massimo Moratti, Inter – Fonte Twitter account ufficiale Inter

E un’Inter dai due volti quella che sta chiudendo il campionato di Serie A al quarto posto, lo sa bene anche Massimo Moratti, l’ex patron nerazzurro, ormai defilato rispetto al passato ma sempre pronto a dire la sua sul mondo meneghino. La prima parte di stagione lasciava trasparire molte speranze di poter accedere alla Champions League, la crisi di gennaio/febbraio ha però delegittimato i voli di fantasia della formazione allenata da Roberto Mancini.

MORATTI BLINDA MANCINI Intervistato in esclusiva da FcInterNews, Moratti ha risposto a numerose domande, dal calciomercato alle questione di bilancio: “Ibrahimovic all’Inter? Dipenderà molto dalle scelte che farà l’allenatore e da tanti altri aspetti, come l’eventuale necessità di aver bisogno di un giocatore così forte e di questo livello. Io però non posso mettermi nei panni degli altri, è una situazione totalmente diversa rispetto a quella del 2006 – aggiunge sul tema mercato – Sì, seguimmo a lungo Yaya Touré e ci fu la possibilità di acquistarlo. Aggiungo che probabilmente sbagliammo a non prenderlo. Maicon arrivò certo, ma non solo lui. Riuscimmo a concludere tante belle cose in quel periodo, però sicuramente Touré era e resta un grande giocatore”.

Sul futuro di Lele Oriali: “Sono sincero se rispondo che non lo so, questa è la verità. Non è mia intenzione nascondermi per non rispondere, sul serio non conosco questa situazione”. Moratti blinda Mancini: “Se resterà? Sì. Come ho già detto penso proprio di sì – poi chiosa sulla corsa Champions League – Rispetto a questo campionato l’anno prossimo tutti avranno sicuramente maggior responsabilità e maggior dovere di entrare in Champions League. Vero, si dice questo ogni anno, ma non è mai facile. Dispiace per questa stagione perché la squadra si è allenata e ha lavorato tanto per raggiungere questo obiettivo. Speriamo di riuscirci nel prossimo campionato”.

Stefano Mastini

SHARE