SHARE

verratti

Il campionato europeo che si terrà in Francia fra il 10 giugno ed il 10 luglio potrebbe essere foriero di sorprese: molti giocatori puntano a mettersi in vetrina con delle grandi prestazioni, alcuni si stanno ancora giocando il posto. Altri ancora hanno dovuto dire addio in anticipo alla competizione a causa di gravi infortuni: l’Europeo ha già perso molte stelle che avrebbero potuto scaldare gli animi delle folle. Andiamo ad esaminare una formazioni di possibili assenti alla kermesse francese, schierata con il 4-3-3.

Crack11 (4-3-3) Perin; Darmian, Kompany, Laporte, Shaw; Verratti, Marchisio, Gundogan; Draxler, Benzema, Welbeck. (Butland, Sakho, De Vrij, Ledley, Oxlade-Chamberlain, Cheryshev, Robben)

Fra i pali troviamo lo sfortunato Mattia Perin: l’estremo difensore del Genoa, praticamente certo di partire come terzo portiere nella spedizione azzurra, ha rimediato un brutto infortunio al crociato e rientrerà a stagione inoltrata. Assieme a lui interessante la candidatura di Jack Butland, estremo difensore dello Stoke City classe 1993 che avrebbe dovuto partire come secondo di Joe Hart.

Come terzino sinistro non si può non pensare a Luke Shaw, una bruttissima doppia frattura alla gamba dopo l’entrata killer di Moreno del PSV, mentre sull’out di destra troviamo un altro giocatore del Manchester United, Matteo Darmian, che sta disperatamente cercando di recuperare in vista degli stage da 30 persone dai quali Antonio Conte estrapolerà i 23 che partiranno per la Francia. C’è ancora un barlume di speranza per l’esterno ex Torino, sul quale Conte ha sempre fatto affidamento durante le qualificazioni. La coppia centrale sarà composta da Kompany e Laporte, due dei difensori centrali su cui avrebbero fatto sicuro affidamento Belgio e Francia, che saranno sicuramente fuori dai giochi.

Centrocampo a tinte tristemente azzurre: Marchisio si è già operato, Verratti andrà sotto i ferri il 16 maggio. Antonio Conte non potrà dunque contare sui due perni del centrocampo attorno ai quali aveva costruito il progetto azzurro, due dei pochi punti fermi della formazioni titolare. A completare lo sfortunato trio troviamo Gundogan, centrocampista tedesco di grandissima qualità che purtroppo non riesce a trovare continuità dopo il brutto infortunio di quale anno fa.

Concludiamo con il reparto offensivo, dove vediamo campeggiare il nome di Julian Draxler, esterno tedesco del Wolfsburg che ha davvero ben figurato nell’ultima edizione della Champions League. Come per Darmian la sua assenza dall’Europeo non è ancora certa, ma  molto probabile dato anche il rischio ricadute per un giocatore già spesso infortunato in carriera. Sull’altro out offensivo ballottaggio fra gli sfortunati esterni inglesi: Danny Welbeck e Alex Oxlade-Chamberlain saranno out, con il primo che si è infortunato nella serata di ieri.

Il perno offensivo nel nostro attacco non poteva che essere la grande stella che mancherà a questo Europeo, il cannoniere della squadra di casa Karim Benzema: l’attaccante del Real Madrid, passato tristemente alle luci della ribalta a causa dello scandalo Valbuena, nel quale è stato accusato di estorsione ai danni del compagno di nazionale. La federazione francese, in accordo con il commissario tecnico Didier Deschamps, ha deciso di escluderlo dalla kermesse.

Andando a comporre la nostra ideale panchina, oltre ai già nominati Butland ed Oxlade-Chamberlain, possiamo andare a scovare altri nomi che salteranno la kermesse francese: partiamo senza dubbio da Robben e De Vrij, due che sicuramente non avrebbero sfigurato ma che potranno godersi la competizione solamente il televisione con l’Olanda clamorosamente non qualificata. Assieme a loro troviamo Sakho, squalificato per doping che difficilmente sarà a disposizione di Deschamps anche nel caso in cui la squalifica dovesse essere confermata ad un solo mese. Concludiamo con due defezioni importantissime in due nazionali non top: parliamo di Ledley, centrocampista del Crystal Palace che  non potrà unirsi alla spedizione gallese, e di Cheryshev, ala russa del Valencia in prestito dal Real Madrid, che ha rimediato un brutto infortunio pochi giorni fa.

SHARE