SHARE
Luciano Spalletti, Roma - Fonte account twitter ufficiale AS Roma
Luciano Spalletti, Roma - Fonte account twitter ufficiale AS Roma
Luciano Spalletti, Roma - Fonte account twitter ufficiale AS Roma
Luciano Spalletti, Roma – Fonte account twitter ufficiale AS Roma

Luciano Spalletti pensa positivo e spiega come anche i preliminari di Champions League possano tornare utili alla Roma nell’ambito della crescita della squadra.

La lotta per il secondo posto vedrà il suo culmine nel corso dell’ultima giornata di Serie A: il Napoli ospiterà il Frosinone, già retrocesso, mentre la Roma sarà di scena a San Siro contro un Milan desideroso di fare bene per cercare di agguantare il sesto posto che porterebbe in Europa League. La matematica ancora non condanna i giallorossi ma il tecnico Luciano Spalletti sembra essere di diverso avviso.

L’allenatore, che ha parlato oggi in conferenza stampa alla vigilia dell’incontro che si svolgerà domani sera contro i rossoneri, pare ormai essersi arreso per quanto concerne la conquista della seconda piazza in questo campionato di Serie A, cercando di trovare il positivo anche in un contesto parzialmente negativa come quello dei preliminari di Champions League. Spalletti ha infatti spiegato come i playoff della competizione europea modificheranno certamente l’assetto preparatorio della stagione ma anche come potranno rappresentare immediatamente un banco di prova per società e calciatori.

Io dico che fare il preliminare ci dà un vantaggio e non il contrario, perché si cominciano subito a giocare le partite vere e si ha subito un termometro della situazione reale”, ha spiegato inizialmente il tecnico. Spalletti ha poi proseguito il suo discorso in maniera più dettagliata: “Si comincia subito a vedere con che testa si vanno ad affrontare poi i periodi. E il nostro sarà un periodo lungo, dove servirà sempre la stessa qualità senza venirsi a rotolare sull’erbetta del campo… Si viene a lavorare sodo, quindi meglio ci siano immediatamente degli obiettivi tosti così si fa subito la sintesi”. Che abbia ragione o meno, Spalletti sembra già pronto per l’eventualità dei preliminari e pretenderà di certo che lo sia anche la sua squadra.

SHARE