SHARE
Miralem Pjanic, Roma - Fonte Twitter ufficiale AS Roma
Miralem Pjanic, Roma - Fonte Twitter ufficiale AS Roma
Miralem Pjanic, Roma - Fonte Twitter ufficiale AS Roma
Miralem Pjanic, Roma – Fonte Twitter ufficiale AS Roma

Per rinforzare il centrocampo della Juventus, Massimiliano Allegri starebbe guardando con attenzione al nostro campionato, puntando forte su Miralem Pjanic, bosniaco classe ’90, dal 2011 alla Roma. L’interesse verso il giocatore, legato al club giallorosso fino al 2018, sarebbe molto più che una semplice voce di mercato, un caso destinato ad appassionare i tifosi durante l’estate. Secondo quanto riportato da Sport Mediaset in mattinata, la Juventus avrebbe addirittura versato nella casse della Roma la clausola rescissoria (38 milioni di euro), utile a portare via dalla Capitale il bosniaco, ambito da alcuni tra i maggiori club europei.

Indiscrezione clamorosa che ha ovviamente suscitato clamore, soprattutto nel tam tam delle radio romane, cui ha fatto seguito l’immediata smentita da parte dell’ufficio stampa giallorosso, nella persona di Lorenzo Stefanini. “No, non è stata pagata nessuna clausola da nessuno per Miralem Pjanic. Ora vorremmo pensare a Milan-Roma…”. Questo il tweet con cui la Roma, evidentemente infastidita dal susseguirsi di queste voci, ha voluto per il momento chiudere in maniera categorica ogni discorso legato al futuro del “Pianista” balcanico, perno fondamentale della squadra di Luciano Spalletti attualmente in lotta con il Napoli per la seconda piazza alle spalle proprio della Juventus campione d’Italia per la quinta volta consecutiva.

10 reti, sua miglior stagione in serie A, e 11 assist in 32 presenze per Pjanic, sul cui futuro si era espresso nei giorni scorsi anche il ds giallorosso Walter Sabatini, blindato almeno a parole al pari dell’altro oggetto del desiderio Radja Nainggolan (“Forse nessuno dei due partirà. Se mi riesce una manovra a coda di gatto maculato…li teniamo entrambi”). Fortissimo sui calci piazzati, meglio anche di Pirlo come evidenziato dalle statistiche, Pjanic è sempre stato “croce e delizia” per i sostenitori giallorossi, capro espiatorio nei momenti negativi, idolo assoluto (dopo Totti) quando la squadra ha ricominciato a macinare punti e scalare posizioni in classifica. All’alba della piena maturità calcistica, dove giocherà l’anno prossimo?

 

SHARE