SHARE
Nella foto il presidente del Genoa Enrico Preziosi con l'allenatore Gian Piero Gasperini

Nella foto il presidente del Genoa Enrico Preziosi con l'allenatore Gian Piero Gasperini

Gianpiero Gasperini e il Genoa sono a un passo dal dirsi addio per la seconda volta. Un segreto non più nascosto e sulla bocca di tutti, una voce data ormai per certa tra tifosi e addetti ai lavori; il Gasp e il popolo rossoblù, con cui il tecnico piemontese ha sempre avuto un rapporto tormentato fatto di amore e odio fino all’attacco in conferenza stampa di qualche mese nei confronti di alcuni dei capi riconosciuti della curva genoana, si saluteranno con ogni probabilità al termine della gara casalinga di domani pomeriggio con l’Atalanta, ultima giornata di campionato.

La conferma arriva anche dalle parole del presidente Enrico Preziosi, rilasciate a “Repubblica” dopo la visita alla squadra durante l’allenamento. “Con Gasperini ci vedremo la prossima settimana. Io con lui ho un rapporto continuo e sappiamo quali sono i nostri pensieri, però non mi faccio tirare la giacca dai tifosi che ovviamente a seconda del loro affetto spingono in una direzione o in un’altra. Io quando decido, scelgo nel bene della società e non mi faccio condizionare. Devo essere in condizione di capire in quale mare può navigare la barca. La tifoseria sa delle cose, ma non ne sa delle altre. Se prenderò delle decisioni non in sintonia con l’ambiente le spiegherò, ma non ho ancora deciso niente”. Dichiarazioni che vanno in direzione di una separazione consensuale al termine della stagione, con Ivan Juric, ex giocatore e allievo proprio di Gasperini, indicato da più parti come probabile successore sulla panchina del Grifone (con Roberto Stellone destinato al Crotone).

Verosimilmente a decidere in un verso o nell’altro il futuro del tecnico, saranno i tifosi, con cui il presidente ha avuto un incontro dopo il successo sulla Sampdoria nel derby di domenica scorsa, che ha evidentemente ricaricato un ambiente oltremodo depresso e pieno di tensioni e incomprensioni mai chiarite.

 

SHARE