SHARE
Cristian Brocchi, Milan - Fonte twitter account ufficiale Milan
Cristian Brocchi, Milan - Fonte twitter account ufficiale Milan
Cristian Brocchi, Milan - Fonte twitter account ufficiale Milan
Cristian Brocchi, Milan – Fonte twitter account ufficiale Milan

Brutta prestazione del Milan di Cristian Brocchi, incapace di reagire nei momenti di difficoltà e che per tutta la partita ha subito il possesso palla ed il gioco della Roma. L’allenatore del Milan, ai microfoni di Sky Sport, si dice deluso: “Oggi sono deluso dall’atteggiamento che hanno messo in campo. Non tanto dal punto di vista tecnico, che alcune volte ci sta visto che davanti a noi avevamo una squadra forte che mette tutti in difficoltà, ma dal punto di vista della voglia e della grinta sono arrabbiato. Non aver avuto nessuna reazione è questo quello che più mi ha colpito. I ragazzi in settimana mi hanno detto delle cose e oggi non le hanno messe in campo. Questo mi ha fatto arrabbiare, ora chiuderemo questo capito e da domani prepariamo la finale”.Brocchi è incredulo della prestazione dei suoi ragazzi oggi, e spera che questo non si ripeta: “Spero che quello che è successo oggi non si ripeta, possiamo essere inferiori ma non non dobbiamo esserlo dal punto di vista della grinta e delle voglia“.

Oggi è stata l’ultima volta da giocatore a San Siro per Abbiati, che Brocchi avrebbe voluto omaggiare con l’ingresso in campo: “Avrei voluto farlo entrare ma c’era la necessità di sistemare la squadra in difesa visto che non riuscivamo più a tenere. Mi dispiace perché non sono riuscito a farlo entrare negli ultimi dieci minuti”. Molti sono stati gli errori commessi dai difensori nella partita di oggi, ma per l’allenatore del Milan i problemi non sono solo in difesa: “I difensori hanno fatto degli errori, ed una coppia centrale non può non lavorare insieme. La colpa però non è solo di loro due ma di tutta la squadra, perché se nessuno lavora non possiamo scaricare la colpa solo sui difensori. Il secondo gol lo abbiamo preparato tutta la settimana, eppure abbiamo subito una rete comunque. Le cose da sistemare sono tante, ancora non sono riuscito a far rispecchiare il mio credo calcistico”.

 

SHARE