SHARE
Fonte Twitter @MirrorFootball
Fonte Twitter @MirrorFootball
Fonte Twitter @MirrorFootball

Ultimo match di Premier League per le due più grandi sorprese dell’intero campionato: il Leicester clamorosamente campione ed il Chelsea a metà classifica, fuori da ogni torneo e senza qualificazione in Europa. Ranieri entra a Stamford Bridge da eroe, dopo esser stato esonerato anni fa, ricevendo un premio personale. Un pareggio particolarmente noioso per quanto riguarda i ritmi di gioco nei 90′ minuti, ma stabilito da due grandi azioni di Hazard e Drinkwater.

CHIAVE TATTICA- Con due formazioni ormai senza pretese, specialmente le Foxes da una settimana in continui festeggiamenti per il titolo, il primo tempo regala pochissime emozioni. I due allenatori schierano innanzitutto formazioni rimaneggiate o comunque con alcuni esperimenti tattici. Anche per questo i ritmi di gioco nei primi 45 giri d’orologio risultano soporiferi sotto ogni punto di vista. Solo in un paio d’occasioni i padroni di casa si avvicinano al goal, ma un ottimo Schmeichel chiude senza problemi lo specchio della porta. Nella ripresa entrambi gli allenatori spendono quasi subito le 3 sostituzioni disponibili, cercando di ravvivare un po’ il match. In effetti Ranieri, seppur passato in svantaggio al minuto ’66, ribalta i dati di possesso palla e soprattutto di tiri, aumentando la produzione di gioco offensivo da parte dei suoi uomini. Nonostante ciò però il match rimane piuttosto bloccato su dei ritmi lenti e prevedibili, a cui solo alcuni singoli come Hazard riescono a dare una svolta.

I PROTAGONISTI- Una grande prestazione difensiva dei padroni di casa mette in luce in particolar modo Fabregas, perfetto direttore d’orchestra delle manovre dei sui, intelligente anche in fase di chiusura. Anche il giovane terzino Rahman si mette in mostra sfoderando grandi interventi difensivi ad una buona spinta sulla fascia. Per il Leicester sono invece Kante e Drinkwater a giocare meglio di tutti, come al solito giocando a dei ritmi piuttosto alti e trovandosi in ogni zona del campo in ogni momento: piovre.

LA GIOCATA- In un match povero di emozioni ci pensa un singolo a cambiare le sorti del match. Al 64esimo minuto infatti Edenz Hazard decide infatti che è arrivato il momento di svegliare l’assopito pubblico dello Stamford Bridge e decide così di partire dalla propria metà campo difensiva. Il fenomeno belga salta quindi 5 avversari con relativa facilità fino ad entrare in area da vero funambolo, scaricando il pallone su Abraham che poi finirà fra i piedi di Matic che conquisterà il rigore.

IL MOMENTO- A 10 minuti al fischio finale, seppur il risultato contasse ben poco per entrambe le formazioni, il Leicester dimostra lo stesso di essere una squadra dura a morire. Infatti, da circa 25 metri, ci pensa il nazionale inglese Danny Drinkwater a riequilibrare il match. Su assist di Kante il numero 4, pronto per affrontare gli Europei in Francia, scaglia un tiro potente e teso che si infila alla destra di Courtois.

Chelsea-Leicester City 1-1, tabellino e pagelle:

Marcatori: 66′ Fabregas rig. (C), 82′ Drinkwater (L)

Chelsea (4-2-3-1): Courtois 7, Azpilicueta 6,5, Ivanovic 7 (60′ Fikayo 6), Cahill 6,5, Rahman 7, Matic 7, Fabregas 7,5, Hazard 6,5, Willian 5,5, Pedro 6,5 (53′ Loftus-Cheek 5), Traore 6 (53′ Abraham 6) All. Hiddink

A Disposizione: Begovic, Loftus-Cheek, Pato, Oscar, Kenedy, Abraham, Fikayo

Leicester City (4-2-3-1): Schmeichel 6,5, Simpson 6, Wasilewski 6, Wes Morgan 6,5, Fuchs 6,5, Kante 7, Drinkwater 7,5, Gray 6 (46′ Schlupp 6), King 6 (46′ Okazaki 6), Mahrez 6 (80′ Albrighton 6), Vardy 6 All. Claudio Ranieri

A Disposizione: Schwarzer, Chilwell, Amartey, Schlupp, Albrighton, Ulloa, Okazaki

 

SHARE