SHARE
Bonucci - Fonte Italia Twitter Ufficiale
Bonucci - Fonte Italia Twitter Ufficiale
Leonardo Bonucci, Juventus - Fonte Twitter account Juventus FC
Leonardo Bonucci, Juventus – Fonte Twitter account Juventus FC

Come avete potuto leggere dal pezzo riguardante i convocati per lo stage, l’unico calciatore della Juventus chiamato da Conte è stato Leonardo Bonucci: questo perché il difensore bianconero non potrà giocare la finale di Coppa Italia contro il Milan a causa di una squalifica rimediata nella partita precedentemente nella semifinale di ritorno contro l’Inter, vinta proprio grazie ad un rigore decisivo del numero 19 dei Campioni d’Italia. A quanto pare, però, la Juventus non è stata molto contenta della decisione ed ha preso provvedimenti in tal senso.

Come spiegato dal sito del quotidiano Tuttosport, il club bianconero non concederà a Bonucci la possibilità di fare lo stage. Questo perché il contesto in cui è stato convocato il difensore non rappresenta un impegno ufficiale FIFA e, con una gara ancora da svolgere in stagione, la Juventus preferisce trattenere il giocatore per farlo andare a Roma con i compagni. Un cavillo che consentirà alla Juventus di avere il giocatore ancora a sua disposizione, nonostante non possa comunque scendere in campo per quanto concerne l’ultimo match stagionale.

Un brutto colpo invece per Antonio Conte, che non sarà di certo contento della notizia: il C.T. avrebbe senz’altro preferito avere a disposizione uno dei leader della retroguardia sin da subito, magari per cementare l’intesa con nuovi compagni e strutturare meglio alcuni movimenti difensivi. Il tutto rappresenta anche l’ennesima scaramuccia tra Conte e la Juventus da quanto il tecnico ha lasciato il club torinese: in questa occasione potrebbe, peraltro, crearsi un precedente per il futuro, dato che altre squadre potrebbero pensare di non concedere un calciatore alla Nazionale in vista di un impegno non facente parte del calendario ufficiale FIFA come uno stage. Bonucci quindi dovrà aspettare per ritrovare Conte e la Nazionale: la Juventus, almeno all’apparenza, ha ancora bisogno di lui.

SHARE