SHARE
Luciano Spalletti, Roma - Fonte account twitter ufficiale AS Roma
Luciano Spalletti, Roma - Fonte account twitter ufficiale AS Roma
Luciano Spalletti, Roma - Fonte account twitter ufficiale AS Roma
Luciano Spalletti, Roma – Fonte account twitter ufficiale AS Roma

Luciano Spalletti, allenatore della Roma, ha partecipato stamane al convegno ‘La legalità rompe le barriere’ in programma all’università Sapienza di Roma. In merito all’argomento del giorno ha dichiarato: “Non sono molto d’accordo sul fatto che ci siano delle barriere allo stadio: capisco tutti i controlli e la sicurezza la gli stadi vanno riempiti perché spesso sono vuoti. L’unica occasione in cui dovrebbero esserci barriere allo stadio è quando Totti tira un calcio di punizione”.

Proprio su Francesco Totti continuano ad arrivare notizie contrastanti sulla possibilità di rinnovo del capitano giallorosso, Spalletti dice la sua “Se resta è una domanda da fare a Baldissoni, sapevo dove si sarebbe andati a parare facendo l’allenatore della Roma e risponderò sempre alla stessa maniera: io sono felice se è felice Francesco Totti. Se Francesco lo vuole io resto sempre al suo fianco per dargli un supporto”. Altro argomento da affrontare è la possibile partenza di Miralem Pjanic, finito nel mirino della Roma “Siccome la Roma ha fatto un campionato importante, hanno fatto uno spettacolo importante, è chiaro che questi calciatori, che sono coloro che hanno permesso che avvenisse ciò attraverso la loro qualità, sono nell’occhio del mirino di alcune società. Però questi calciatori qui mi hanno assicurato, perché io con loro ci parlo quotidianamente, che vogliono rimanere alla Roma. Poi questi discorsi è chiaro che vanno approfonditi, perché ci sono delle situazioni nel calcio che si possono andare poi a scatenare e cioè che una società vada a prendere un giocatore da un’altra società e valuteremo. Però la volontà dei calciatori è di rimanere a giocare alla Roma, perché si sono trovati bene e perché hanno piacere nell’indossare questi colori”. Non proverò dispiacere se Pjanic andrà alla Juventus, io ho piacere se i giocatori fanno quello che li rende felici, devono confrontarsi con situazioni soggettive”.

SHARE