SHARE

FBL-ITA-SERIE A-INTER-SAMPDORIA

Il presidente dell’Inter, Eric Thohir, ha parlato dall’Indonesia del presente e del futuro della società nerazzurra. Inevitabile un bilancio della stagione appena conclusa, che ha visto l’Inter chiudere al quarto posto il campionato, con qualche rimpianto ripensando alla partenza a razzo che sembrava poter consentire alla squadra di Mancini di lottare fino in fondo per lo scudetto: “Abbiamo disputato una buona stagione tornando in Europa, ma non perfetta. Non siamo stati continui e questo è il calcio. Credo ci manchi un po’ di personalità e inseriremo un po’ di leadership in rosa, ma dobbiamo proteggere gioielli come Perisic e Icardi. Vogliamo 2-3 giocatori per raggiungere i nostri obiettivi”. Non manca poi una frecciatina ai rivali cittadini del Milan.

LE PAROLE DI THOHIR – “L’Inter ha disputato una buona stagione, non perfetta, ma buona. Abbiamo chiuso al quarto posto e siamo tornati in Europa, cosa che non è avvenuta l’anno scorso. Dal novembre 2013, quando ho ricevuto il testimone da Massimo Moratti, sono passati tre anni e in queste stagioni, per esempio, il Milan è sempre arrivato dietro di noi. È davvero un dispiacere che quest’anno non siamo stati perfetti. Fino a gennaio eravamo primi in classifica ma, come ho sempre detto, non abbiamo avuto la giusta continuità. Questo è il calcio. In ogni caso, facendo un paragone con un anno fa, oggi abbiamo 67 punti. È un buon punto di partenza, la squadra ha un’età media di 26 anni, i giocatori chiave sono giovani. L’anno prossimo dovremo fare molto meglio. Avete letto di nuovi acquisti sui giornali ma io non posso annunciare nuovi giocatori finché non ci sono le firme. Credo ci manchi un po’ di personalità. Abbiamo bisogno di inserire in rosa calciatori che abbiano una buona leadership. Ma abbiamo già elementi importanti come Perisic, Kondogbia, Icardi e dobbiamo proteggerli. Rafforzeremo ancora la squadra, vogliamo 2-3 giocatori che possano aiutarci a raggiungere i nostri obiettivi”.

SHARE