SHARE

Seydou+Keita+Ya2Or4elFOLm

In una lunga intervista a ultimouomo.com, il centrocampista della Roma Seyodu Keita ha ripercorso le tappe fondamentali della propria carriera, dall’arrivo in Europa al ruolo di protagonista con i giallorossi, passando per la parentesi ricca di titoli a Barcellona.

LO SBARCO NEL CALCIO EUROPEO – “All’inizio mi mancava la mia famiglia, le mie abitudini, faceva freddo, non avevo amici. Ma ho fatto molti sforzi per aiutare mia madre, per cui quando sono arrivato in Francia conoscevo già la difficoltà. Sapevo che sopportando lo sforzo avrei potuto sistemare la mia vita, e soprattutto quella delle persone che mi sono vicine. E il fatto di poter aiutare le persone che mi sono vicine è il mio più bel trofeo. Centrocampista centrale dai tempi del Lens? Potevo scegliere: o diventavo un centrocampista centrale difensivo, o giocavo sulla fascia. E dato che mi piace toccare la palla e partecipare al gioco ho scelto di giocare al centro. Giocavamo con il 4-4-2: due centrali, due ali e due punte. Quando giochi al centro del centrocampo devi difendere bene, non puoi andare a fare il numero dieci. Ho dovuto forzare un po’ la mia natura, ho perso qualche qualità offensiva ma ne ho guadagnate altre difensive”

IL BARCELLONA E GUARDIOLA – “A Siviglia ero un po’ nello stesso sistema di Lens. Anche se in Spagna si gioca di più la palla ero comunque un centrocampista difensivo. Da Siviglia a Barcellona è stato un cambiamento. Un altro modo di pensare il calcio, di giocare, di allenarsi. Ma poi è successo tutto naturalmente, anche grazie ai compagni e all’allenatore, certo. Io mi sono adattato bene dovunque sia stato. Ad esempio dopo la Cina sono stato a Valencia ed è andata molto bene. Anche a Roma, nonostante qualche infortunio che ho avuto, sto benissimo. È che mi adatto a quello che mi trovo davanti. Per giocare a calcio bisogna essere pronti mentalmente. Intelligenti. Guardiola filosofo? No un filosofo, no. Ma è un grande allenatore che ama far giocare bene le sue squadre, collettivamente, e controllando il gioco. Io non ci vedo niente di male. Mi piacciono tutti quelli che fanno bene il proprio lavoro. Che giocano bene a calcio, che fanno degli sforzi che non sono per forza visibili. Recuperare una palla è altrettanto importante di fare un assist. Questa è la mia idea di calcio. Mi piacciono i giocatori che si impegnano per la squadra, non quelli individualisti”.

L’ANEDDOTO – “Rifiutai di giocare terzino in finale di Champions? Non è che ho rifiutato, è che non sono egoista. Ho giocato i quarti di finale, la semifinale… in finale c’erano Dani Alves e Abidal squalificati, Henry e Iniesta che rientravano da un infortunio. Eravamo in tre per due posti a sinistra: mezzala e ala. Più il posto di Abidal squalificato. E rispetto ad Henry e Iniesta era più facile che giocassi io a terzino. Ma quando stai per giocare una finale di Champions League non puoi fare l’egoista. E se sbaglio una linea, sbaglio un fuorigioco e prendiamo un gol? Non potrei mai perdonarmi. Sono solo stato sincero con l’allenatore. Gli ho detto: la scelta spetta a te, ma se il Barcellona perde per colpa mia non potrei perdonarmelo. C’è un terzino sinistro, io do solo la mia opinione, poi sei tu che decidi. Dopo averci riflettuto ha scelto Silvinho, e io sono entrato al posto di Henry. Abbiamo vinto e siamo stati tutti felici e contenti. Ma se avessi giocato terzino magari le cose sarebbero andate male, chi lo sa? E da quel giorno con Guardiola abbiamo avuto buoni rapporti, perché sa che penso prima alla squadra che a me”.

SULLA ROMA – “Ho scelto la Roma perchè c’erano molti francesi e per il clima e perché è una grande squadra. Rifiutati il Liverpool? Ho sentito che non era la scelta giusta. E non rimpiango di essere venuto qui, a parte qualche piccolo infortunio… Che poi ho avuto l’infortunio peggiore della mia carriera, per fortuna da gennaio sono tornato a un buon livello e ho giocato quasi sempre. Non è cambiato molto per me personalmente. Spalletti è molto esigente con tutti i giocatori ma non con me in particolare. Quello che è cambiato per me è che ho fatto due partite brutte, a Bologna e a Barcellona dove giocavo con una gamba sola Non era previsto che giocassi quelle partite, perché sentivo dolore. Mi faceva male anche guidando. Ma le circostanze hanno obbligato l’allenatore a farmi giocare. Poi qualcuno ne ha approfittato per criticarmi e oggi sembra che Spalletti mi ha cambiato. Ma se è vero che tatticamente è molto bravo, ed è molto esigente, io ho soprattutto tutte e due le gambe. Futuro? Non ho mai forzato il mio addio da un club, le cose si sono sempre fatte in maniera naturale. Ho avuto l’opportunità due volte di andare in Qatar, l’anno scorso e a gennaio. Anche se in Qatar avrei guadagnato di più, l’allenatore e i dirigenti mi hanno detto che se fossi andato via sarebbe stato complicato sostituirmi. Il rispetto è importante e ho pensato al bene del club. E sono felice della scelta, ancora oggi sono molto contento”

 

SHARE