SHARE
Daniele Rugani, Juventus
Daniele Rugani, Juventus
Daniele Rugani, Juventus

Rugani è il difensore del domani in casa Juventus, l’ex Empoli parla della sua prima annata in bianconero: “Ringrazio Allegri. A Sassuolo abbiamo gettato le basi per la vittoria del campionato”

Sono stati i volti nuovi, e altisonanti in divenire, della retroguardia della Juventus Campione d’Italia: Alex Sandro e Daniele Rugani. i due difensori, al primo anno con addosso la casacca bianconera, quest’oggi hanno risposto a numerose domande ai microfoni di Sky Sport, con l’italiano che si è soffermato sul clima che si respira nello spogliatoio piemontese.

RUGANI E LA TIM CUP Queste le parole del difensore bianconero Daniele Rugani: “La finale di Coppa Italia sarà una partita secca – spiega Daniele Rugani – E quindi la dovremo affrontare con la giusta concentrazione e determinazione. Dovremo essere tosti ma allo stesso tempo ordinati, ci servirà davvero tanta pazienza: la partita si deciderà probabilmente nei piccoli dettagli, quindi non dovremo aver fretta di “spaccare” la sfida, non dobbiamo essere troppo intraprendenti. La svolta della stagione? Se devo pensare alla svolta, individuo senz’altro la sconfitta di Sassuolo. In quella occasione abbiamo gettato le basi per la vittoria, tutti insieme: i veterani dando la scossa, e anche noi giovani reagendo al momento”.

Sul rapporto con il suo allenatore, l’ex Empoli ha aggiunto: “Per quanto mi riguarda devo ringraziare Mister Allegri, mi è stato molto vicino, mi ha suggerito di avere pazienza e di continuare a lavorare, oltre che di scendere in campo senza troppi pensieri. Ma devo dire che mi hanno aiutato tantissimo anche i compagni, chi con le parole, chi con gli atteggiamenti, chi con gli esempi. Ho guardato e tuttora guardo maggiormente ai miei compagni di reparto, da loro ovviamente cerco di apprendere il più possibile”.

(fonte Tuttosport.com)

Stefano Mastini

SHARE