SHARE
Walter Sabatini, Roma
Walter Sabatini, Roma
Walter Sabatini, Roma
Walter Sabatini, Roma

Sabatini blinda Pjanic e Nainggolan: “Faremo di tutto per tenerli”, e annuncia: “Vogliamo riscattare El Shaarawy”.

E’ stata un’annata in crescendo per la Roma. Walter Sabatini è riuscito a mettere insieme un’ottima rosa sul mercato di riparazione da offrire in dono al nuovo arrivato Luciano Spalletti. Lo stesso dirigente ha parlato quest’oggi ai microfoni di Sky Sport.

SABATINI A 360° Walter Sabatini è stato sollecitato sull’annata dei singoli della Roma, molti dei quali sono stati delle sue intuizioni in sede d’affari: “Rudiger per me è una soddisfazione. Non solo lui però per quanto riguarda il reparto difensivo, anche Digne. Credo che sia una soddisfazione per noi che facciamo il nostro lavoro e vediamo che riusciamo in questo; credo comunque che sia una soddisfazione anche per tutti i tifosi romanisti. Spero che questo possa essere per loro motivo d’orgoglio, non abbiamo vinto lo Scudetto ma che abbiamo comunque potuto fare bene fino in fondo – aggiunge il dirigente giallorosso – Dzeko è molto forte, non ha avuto molto fortuna. Spalletti è riuscito a trovare la quadratura con un modulo non adatto a lui, quindi è normale che abbia faticato, ma resta un valore aggiunto. Con i tre attaccanti leggeri abbiamo fatto una media di 3 gol a partita, capite bene che fosse difficile non continuare con quella linea, Dzeko a modo suo ha contribuito. Dzeko non sarà mai un problema della Roma“.

Sul destino di Pjanic e Nainggolan, attualmente al centro del calciomercato: “Sarei in contraddizione, dipende anche dai calciatori, faremo di tutto per trattenerli a Roma e farli sentire importanti qui con noi – spiega sugli innesti – Szczesny è un giocatore dell’Arsenal, vedremo se potremo trattenerlo a Roma, ma abbiamo preso un portiere fortissimo. El Shaarawy? Vorremmo esercitare l’opzione perché saremmo entusiasti di tenerlo qui. Vedremo di rastrellare in giro per far quadrare i conti, ma adesso dobbiamo ancora parlare con Spalletti per decidere assieme a lui. La Roma ha sempre messo in campo squadre competitive e sarà così anche per la prossima annata.Talenti italiani? Non è facile oggi trovarli. Monitoriamo alcuni giocatori che rimangono sotto il nostro controllo anche se sono in contratto con altre società. Totti? Ci sono stati dei contatti col presidente, al momento non ci sono problemi. Si parla anche della futura attività dirigenziale che inizierà a fine carriera”.

Stefano Mastini

SHARE