SHARE
Javier Zanetti, Inter - Fonte account Twitter ufficiale Javier Zanetti
Javier Zanetti, Inter - Fonte account Twitter ufficiale Javier Zanetti
Javier Zanetti, Inter - Fonte account Twitter ufficiale Javier Zanetti
Javier Zanetti, Inter – Fonte account Twitter ufficiale Javier Zanetti

Si è appena conclusa la stagione, e il vicepresidente dell’Inter, Javier Zanetti, ha già le idee chiare sul futuro. Come afferma l’ex capitano nerazzuro, infatti, in estate non ci sarà alcuna rivoluzione, ma dei cambiamenti saranno inevitabili: “La base c’è, intorno vogliamo costruire una squadra che possa essere sempre più competitiva. Faremo le nostre valutazioni ma non dobbiamo dimenticarci che dobbiamo rispettare il fair play finanziario, cosa che un po’ ci penalizza“. Il bilancio societario e le regole imposte dalla Uefa, come spiega Zanetti, negli ultimi anni stanno penalizzando il club meneghino, e sicuramente la dirigenza insieme all’allenatore dovrà fare delle scelte: “Cessioni di grandi campioni per questo? Vediamo, dobbiamo ancora parlare con Roberto Mancini per programmare la prossima stagione. Icardi comunque rimarrà certamente con noi, è il nostro capitano e lo ha detto anche lui”.

L’ingresso in società dei cinesi, di cui tanto si parla nelle ultime settimane, potrebbe cambiare la rotta dell’Inter per quanto riguarda la sessione estiva di mercato. L’obiettivo comunque è uno solo: migliorare e tornare ai massimi livelli. “Thohir, Moratti, noi come società, tutti stiamo cercando di fare qualcosa in più per tornare ai vertici. Lavoriamo tutti nella stessa direzione”. Intanto un primo rinforzo per la prossima stagione sembra essere già stato assicurato, ed è Banega. Sull’ormai ex centrocampista del Siviglia, Zanetti non dà conferme ma afferma: “È un giocatore importante che ha personalità e grande qualità, è un elemento della nazionale argentina da tanto tempo. Credo che in qualunque squadra potrebbe fare bene“.

Infine un bilancio sulla stagione interista e sul campionato: “Dobbiamo sottolineare che siamo tornati in Europa League ed è già qualcosa di importante, speriamo di ripartire da qui per fare sempre meglio. Quello di quest’anno è stato un campionato combattuto con la grande rimonta della Juventus, ma anche la Roma ha fatto cose molto importanti con l’arrivo di Spalletti. Noi siamo partiti bene, ma nel mese di gennaio abbiamo perso tanti punti pesanti che alla fine ci sono costati cari. Però per noi quello di quest’anno deve essere un punto di partenza, ma la nostra ambizione è tornare a essere sempre più protagonisti”.

SHARE