SHARE

giampaolo empoli

Non è mai facile ripartire, soprattutto dopo che si è caduti nel dimenticatoio. Marco Giampaolo ce l’ha fatta ed oggi è uno dei principali candidati alla panchina del Milan. Una carriera anomala la sua, fatta di alti e bassi, passata da accostamenti importanti, esoneri, fughe e retrocessioni. Poi l’opportunità concessagli da Corsi e dall’Empoli, decisi fin da subito a puntare su di lui per ripartire dopo l’addio di Maurizio Sarri.

TALENTUOSO – A 39 anni l’esordio assoluto sulla panchina del Cagliari in Serie A e una salvezza da raggiungere. Non un compito facile, ma che Giampaolo riuscì a portare al termine con una giornata di anticipo guadagnandosi la conferma per la stagione successiva. Dopo Cagliari  l’allenatore di Bellinzona fu chiamato a Siena: alla sua prima stagione in Toscana riuscì a sorprendere tutti salvandosi con largo anticipo facendo registrare anche il record di punti in Serie A. Il suo gioco faceva tanto divertire i tifosi della Robur con Giampaolo che iniziò ad essere considerato come uno dei migliori allenatori italiani. La sua esplosione coincise con la voglia di rinascere e il progetto di ricostruzione della Juventus, alla quale sembrava dovesse essere destinato, ma al quale fu preferito Antonio Conte.

CRISI – La delusione, il rimpianto e i problemi. Giampaolo decise di rimanere in Toscana per continuare ad affermarsi, ma le cose non andarono nel migliore dei modi: la sua seconda stagione a Siena fu caratterizzata dalla mancanza di risultati e di quel gioco che il primo anno aveva regalato grandi soddisfazioni ai tifosi della Robur e che portò inevitabilmente al suo esonero. Da qui il lento declino e gli esoneri. Il passaggio nella serie cadetta non aveva consentito all’allenatore di rilanciarsi, anzi, si persero le tracce durante la sua esperienza a Brescia, quando tornò a far parlare di sé solo per la sua improvvisa fuga subito chiarita. Nel 2014 un altro passo indietro con l’avventura in Lega Pro sulla panchina della Cremonese.

IL RITORNO – In Serie A, però, c’era ancora chi si ricordava di lui e degli sprazzi di grande calcio che le sue squadre avevano saputo regalare. Uno di questi era il presidente dell’Empoli. L’ottima stagione in Toscana ha riportato il suo nome al centro dell’attenzione dei maggiori club italiani e il Milan per ripartire sembra infatti intenzionato ad offrirgli un’opportunità. D’altronde Giampaolo, meglio di chiunque altro, è riuscito a rialzarsi lasciandosi alle spalle le cadute ed i fallimenti. I rossoneri, così come il tecnico di Bellinzona, hanno vissuto anni difficili e per tornare al vertice del calcio italiano hanno pensato così ad un allenatore riuscito a risorgere dalle ceneri. Quest’anno Giampaolo ha dimostrato di poter essere all’altezza della situazione: la pressione e le richieste di un club come quello milanista sono, però, ben diverse da quelle di un società come Empoli, ma se dovesse riuscire nell’impresa, quella di Marco Giampaolo potrebbe essere finalmente la rivincita. Il giusto ritorno di un film interrotto troppo presto.

SHARE