SHARE

suarez

Quando si parla di Liga, solitamente si parla del campionato in cui è più semplice segnare valanghe di gol. Tesi ampiamente supportata da dati inconfutabili, soprattutto nell’ultimo decennio, periodo che ha visto Real Madrid e Barcellona scavare un solco profondissimo con il resto della compagnia, raggiunti solo di recente dall’Atletico Madrid. Che i Messi e i Ronaldo faticherebbero a segnare 40-50 gol a campionato in Serie A è tutto da dimostrare, ma è sicuramente verosimile. Non è un caso che gli ultimi 8 vincitori della scapra d’oro siano attaccanti in forza a club spagnoli, con la parziale eccezione di Suarez nel 2014 – ex aequo con Cristiano Ronaldo.

La stagione 2015-2016 però, passerà comunque alla storia per quanto riguarda il massimo campionato spagnolo, poichè è stato battuto un record particolare, ovvero quello riguardante il numero di calciatori capaci di segnare almeno 20 gol: per tre volte la Liga si era fermata a quota 6, l’ultima nella stagione ’96-’97, quest’anno ha chiuso a quota 7.
Il capocannoniere Luis Suarez, alla seconda scarpa d’oro in carriera – Come Henry, Forlan e Eusebio – e primatista anche per quanto riguarda gli assist vincenti, ha chiuso a quota 40, distanziando di 5 reti il primo degli inseguitori, Cristiano Ronaldo. Il portoghese ha dovuto rinunciare al titolo di Pichichi, ma può consolarsi con la sesta stagione consecutiva con più di 50 reti all’attivo. Sul gradino più basso del podio si piazza Leo Messi, reduce da una stagione pesantemente condizionata dai problemi fisici, soprattutto durante la prima parte. Per l’argentino 26 gol in totale. Ai piedi del podio Neymar e Benzema a quota 24, con il francese a lungo ai box ma unico giocatore ad avvicinare la media gol pazzesca di Suarez. Il sesto giocatore ad aver segnato almeno 20 reti è Antoine Griezmann, stella indiscussa dell’Atletico Madrid fermatosi a quota 22, primo dei marcatori non in forza a Real Madrid e Barcellona. Il settimo è Aritz Aduriz, eterno bomber dell’Athletic Bilbao che da anni riesce nell’impresa di migliorarsi stagione dopo stagione. Nonostante le 35 primavere alle spalle, Aduriz ha chiuso il campionato con 20 gol all’attivo, elevandosi a uomo con più reti di testa nella Liga tra i giocatori in attività e conquistando la pre convocazione per Euro 2016.

Ad un passo dal ritoccare la statistica Gareth Bale e un altro “vecchietto”, Ruben Castro, entrambi fermi a quota 19: per l’attaccante del Betis però, la soddisfazione di aver battuto Suarez in almeno una classifica individuale. I suoi gol infatti, hanno portato al Betis 18 punti, 3 in più rispetto a quanto fatto dal fuoriclasse del Barcellona. Soddisfazione non da poco nell’epoca dei “falsi nueve”, anche se proprio la Liga sembra stia guidando il ritorno in auge dei grandi numeri 9.

SHARE