SHARE
Luciano Spalletti indicazioni panchina
Luciano Spalletti Foto: asroma.it

 

Luciano Spalletti indicazioni panchina
Luciano Spalletti Foto: asroma.it

Ai microfoni di Roma Radio, Luciano Spalletti ha tirato le somme al termine della prima parte di della sua seconda gestione in giallorosso. Il tecnico della Roma è parso soddisfatto del rendimento della squadra, ma non ha mancato di lanciare una frecciatina tra le righe a chi vorrebbe andarsene durante l’estate.

SULLA STAGIONE – “Io non ho fatto niente, ha fatto tutto la Roma. Con questi giocatori io ho trovato la situazione apparecchiata, sono loro, la loro qualità e la disponibilità a fare la differenza. La partita di Milano è stata un messaggio importante. Se fosse andata diversamente si sarebbe detto: ‘Sempre la stessa Roma…’, Le solite distrazioni’, ‘Pensano già alle vacanze’. La solidità mentale è la differenza: sapere che il lavoro sarà lungo, che una vittoria non creerà nessuna presunzione ed una sconfitta non creerà alcun fastidio. E’ una piccolezza che può fare la differenza crescere a livello caratteriale. Dentro le partite a volte ci siaamo abbassati e questo non deve succedere. E’ successo diverse volte e quindi è demerito della nostra impostazione mentale. Se li guardi bene in faccia te ne accorgi dopo due minuti che carattere hanno”.

SUL MERCATO IN USCITA – “Fa parte del gioco, si va avanti. La Roma ha bisogno di determinate caratteristiche, per alcuni la Roma può essere poco. Si vede quello che serve e si prende quello che viene in base alla situazione”.

SULL’AMBIENTE – “Ho visto complessivamente un buon gruppo, sono dispiaciuto per non aver fatto giocare Salih Ucan, ha delle ottime qualità, dal modo di calciare la palla alla furbizia dentro il campo, ma non l’ho fatto mai giocare. Qualcuno è venuto a chiedermi come mai non giocasse e la risposta è stata: ‘Perché voglio vincere!’. L’esultanza al gol di Emerson Palmieri? E’ un bel gruppo, sono tutti bravi ragazzi, ad eccezione di qualche minima soggettività. I tifosi possono star tranquilli, perché la Roma in questi ultimi tre anni ha lavorato molto bene. Hanno dei dirigenti forti e dei calciatori fortissimi e sarà così anche nella prossima stagione”.

 

 

SHARE