SHARE
Cristiano Ronaldo Portogallo
Cristiano Ronaldo, foto fonte: Official home of #EURO2016 on Twitter
Cristiano Ronaldo Portogallo
Cristiano Ronaldo, foto fonte: Official home of #EURO2016 on Twitter

Cristiano Ronaldo vs Lionel Messi: il duello che ha infiammato e diviso i tifosi di tutto il mondo pallonaro e che ha praticamente creato un duopolio vincente in vetta alle classifiche del Pallone d’Oro ininterrottamente dal 2008 ad oggi, quando il portoghese all’epoca del Manchester United, aprì le danze con la sua prima vittoria del premio come miglior calciatore dell’anno. Una battaglia infinita quella tra il lusitano e l’argentino accesasi ancor di più con l’approdo di CR7 a Madrid sponda Real, creando una rivalità ancora più evidente con il Barcellona della ‘Pulce’. Chi ha però visto crescere da vicino Cristiano Ronaldo come Sir Alex Ferguson non ha il minimo dubbio su chi tra i due sia il vero numero uno di questa generazione. Lo stesso Ferguson infatti, che prelevò CR7 ancora giovanissimo dallo Sporting Lisbona, a margine di un evento organizzato a Dublino dal golfista nordirlandese Rory McIlroy, ha espresso la propria opinione spiegando la differenza tra i due campioni: “Messi è un giocatore fantastico, sembra indossare le pantofole quando controlla il pallone. Lui però è un giocatore del Barcellona, Cristiano invece potrebbe giocare anche nello Stockport County e segnare comunque una tripletta, la differenza è tutta qui. Lui ha tutto. Può tirare sia di destro che di sinistro, è forte di testa ed è coraggioso come un leone”.

IL MIGLIORE – Ferguson conclude poi parlando del duro lavoro che si nasconde dietro al rendimento del portoghese: “Durante la mia esperienza allo United, ho avuto tanti giocatori che si allenavano più del dovuto per migliorarsi. Gary Neville, grazie alla sua etica del lavoro, è passato dall’essere un calciatore nella media ad un campione meraviglioso e lo stesso vale per Beckham. Cristiano però si portava allo sfinimento e lo fa ancora oggi. Il suo unico obiettivo era essere il migliore al mondo“.

SHARE