SHARE
Cristiano Ronaldo, Real Madrid-Manchester City - Fonte account ufficiale Twitter Real Madrid
Cristiano Ronaldo, Real Madrid-Manchester City - Fonte account ufficiale Twitter Real Madrid
Cristiano Ronaldo, Real Madrid-Manchester City - Fonte account ufficiale Twitter Real Madrid
Cristiano Ronaldo, Real Madrid-Manchester City – Fonte account ufficiale Twitter Real Madrid

Carlo Ancelotti, ex allenatore del Real Madrid e futuro tecnico del Bayern Monaco, ha rilasciato alcune dichiarazioni ai microfoni del “Financial Times” in cui ha parlato in particolar modo del suo rapporto con Cristiano Ronaldo ai tempi di Madrid:  “Cristiano Ronaldo faceva bagni di ghiaccio a Valdebebas (campo di allenamento del Real ndr) alle tre di mattina, anche se Irina lo stava aspettando a casa. Non si preoccupa dei soldi, vuole solo essere il primo. Non posso entrare nei dettagli ma posso dirvi che è incredibile come Cristiano Ronaldo abbia sempre posto l’attenzione alla sua carriera davanti a tutto il resto, dalla pubblicità ad altro”. Poi un aneddoto su Drogba: “La felicità sta nel lavoro e nel rapporto con i giocatori. Non mi interessa quello che dice la stampa . Ci sono cose sulle quali si può essere flessibili con i giocatori e altre no.  Se un mio giocatore mi dice: ‘Mister, abbiamo una settimana dura, possiamo rimanere a letto un’ora in più?’, io dico ok. Ma quando abbiamo una riunione pre-partita il giocatore deve essere puntuale. Ai tempi del Chelsea avevo fissato un incontro alle 10.30 e Drogba non c’era. Non so se per colpa del traffico o cosa, arrivò alle 11.00. La partita non la giocò….”.

E’ possibile comprendere la cura dei dettagli di Cristiano Ronaldo anche dal racconto di qualche tempo fa dell’attaccante francese del Real Madrid Karim Benzema: “Il Real Madrid inizia l’allenamento alle ore 10.30 e termina alle 12. Solitamente arrivavo alle 10.25 e avevo solo cinque minuti per essere pronto. Un giorno, quando finì l’allenamento e tutti andarono via, io andai a fare la doccia. Quando uscii, vidi che Cristiano Ronaldo stava continuando ad allenarsi e gli chiesi perché continuava a farlo. Mi rispose che ogni giorno faceva allenamento extra. Da quel giorno, mi alleno alle 9.30, incontro Cristiano per il riscaldamento e poi ci alleniamo con la squadra e dopo continuiamo a lavorare in palestra fino alle ore 13”.

SHARE