SHARE
(fonte foto: juventusfc.com)
(fonte foto: juventusfc.com)
(fonte foto: juventusfc.com)

Una vigilia, quella antecedente alla finale di Coppa Italia fra Juventus e Milan, piuttosto calda per i rossoneri e molto meno per i campioni d’Italia. La squadra di Brocchi infatti sembrerebbe aver rifiutato parzialmente il ritiro pre-finale, scatenando l’ira del tecnico; d’altro canto i bianconeri arrivano a Roma con tutta calma e a consapevolezza di esser molto avanti nei pronostici. Proprio per questo però Andrea Barzagli, roccioso difensore della Juventus, si fida molto poco del Milan, avvertendo i suoi i non sottovalutarlo, come dichiarato al QS: “I pronostici dicono che siamo favoriti, ma temo il Milan. È una finale pericolosa, in una gara secca può succedere di tutto, sarà decisivo il nostro approccio. Giocare in mezzo ai tre difensori non è semplice se uno non l’ha mai fatto, in quella posizione lì bisogna fare scelte diverse, essere meno aggressivi e coprire senza lasciare buchi, io ho altre caratteristiche rispetto a Bonucci ma mi ha dato dei consigli. La Juventus comunque è equilibrata nonostante le rotazioni”.

Il difensore poi entra nello specifico, indicando non solo l’uomo più pericoloso fra i rossoneri, ma andando anche ad “ammonire” Mario Balotelli reo di aver perso fin troppe occasioni in carriera: “A volte (Bacca ndr) sembra poco coinvolto nel gioco, ma è un rapace e dovremo stargli sempre addosso. Balotelli è stato fuori molto ed è un dispiacere perché così ci ha perso lui, il Milan e la Nazionle. Poteva diventare la nuova stella italiana, ha perso dei treni e avrà dei rimpianti”. Lo Juventino però dimostra ancora una volta quanto sia importante la fame di vittorie e di trofei per i successi di questa Juventus, infatti il nazionale italiano ancora ha negli occhi e non smette di pensare alla clamorosa eliminazione dalla Champions League: “C’è grande rimpianto per quei due minuti a Monaco, ma comunque ce n’era ancora di strada da fare. Chi vince ha sempre ragione, in Europa bisogna avere la mentalità giusta”.

SHARE