SHARE

Gonzalez-del-Novara

Un testacoda da brividi, con lo spettro della C da una parte e il sogno play off dall’altra. Così si presentava Novara-Modena, partita delicata e sentita, affidata alla direzione di un arbitro esperto come il signor Abisso di Palermo. Le buone intenzioni non hanno però trovato riscontro nella realtà stravolta un arbitraggio pessimo e condizionante ai fini del risultato. Un epilogo segnato da un rigore inesistente (accompagnato da rosso diretto) concesso ai padroni di casa per un fallo avvenuto fuori area. Proteste e capannelli non hanno sortito alcun effetto, nemmeno quando il Modena si è visto negare, nel corso del primo tempo, un rigore netto per fallo su Giorico, atterrato dal portiere Da Costa. Nella ripresa il quattro a zero e la retrocessione del Modena, penultimo in classifica con quarantadue punti. Piange Bergodi mentre sorride Baroni, ottavo e dunque qualificato di diritto al turno preliminare dei play off grazie alla concomitante sconfitta della Virtus Entella, battuta dal Crotone allo “Scida”. I piemontesi se la vedranno con il Bari, in gara secca al san Nicola.

 

Novara-Modena 4-0

 

-Analisti tattica Il coraggio di Bergodi, costretto ad espugnare il Piola per provare a raggiungere almeno i play out. I piani del tecnico saltano dopo appena 1’ e con il Modena in dieci il Novara ha gioco facile. L’uno a zero (di rigore) spiana la strada ai padroni di casa e ai canarini, sotto di una rete e di un uomo, non basta l’orgoglio per rimettere in piedi una partita segnata da una gravissima svista arbitrale. Il tecnico degli ospiti prova a non snaturare il progetto tattico iniziale, confermando la linea a tre, nonostante l’espulsione di Gozzi, rimpiazzato da Osuji, spostato in difesa. Qualche buona occasione, un rigore negato e la sensazione di non farcela più. Nella ripresa il Modena molla e il Novara dilaga.

-Protagonisti L’intramontabile Gonzalez merita una menzione speciale: decimo sigillo in campionato arrivato grazie ad una bella falcata in contropiede, conclusa con un tiro potente e preciso

-Giocata Nel mirino il signor Abisso. Il rigore che sblocca la partita rasenta il ridicolo; il contatto è veniale e inoltre si concretizza fuori dalla sedici metri del Modena. Un doppio errore pesantissimo per le sorti dei canarini. Dal dischetto trasforma Evacuo. La doppietta di Galabinov, con un Modena in disarmo, chiude ogni discorso.

-Momento Grida vendetta il rigore negato al Modena: Da Costa falcia Giorico ma Abisso non fischia.

 

 

Novara-Modena 4-0 (4’pt Evacuo, 19’st, 42’st Galabinov, 48’st Gonzalez): tabellino e pagelle

NOVARA (4-2-3-1): Da Costa 6.5, Dickmann 6 (36’st Adorjan sv) Troest 6.5, Vicari 6, Mantovani 6.5; Casarini 7, Buzzegoli 6.5; Faragò 6.5, Corazza 5.5 (16’st Galabinov 7) Gonzalez 7; Evacuo 7 (44’st Ludi sv) All.: Baroni.

MODENA (3-5-2): Manfredini 5.5, Bertoncini 5.5, Gozzi sv, Popescu 5; Rubin 6, Nardini 5.5 (28’st Besea sv) Osuji 5, Giorico 5 (22’st Granoche 5.5) Bentivoglio 6; Stanco 5.5, Luppi 5.5. All.: Bergodi.

Arbitro: Abisso 3

Reti: 4’pt Evacuo (rig) 19’st, 42’st Galabinov, 48’st Gonzalez

Note: ammoniti Bentivoglio, Popescu, Vicari. Espulso Gozzi

SHARE