SHARE

brozovic

Grandissima stagione di Marcelo Brozovic in maglia nerazzurra: il numero 77 croato di Mancini è uno dei giocatori di maggior qualità nella rosa, l’unica centrocampista che ha veramente dimostrato di sapere come si accende la luce in campo. Come è consuetudine dopo le stagioni sopra le righe effettuate dai propri assistiti, l’agente del croato Miroslav Bicanic si è presentato alle porte della dirigenza nerazzurra bussando a denari per un ricco rinnovo: la proposta è stata tuttavia respinta con grande rammarico dell’entourage del calciatore. L’agente di Brozovic, intervistato da Sky Sport, ha espresso la sua contrarietà al comportamento della dirigenza dell’Inter: “Marcelo è molto combattuto, ama l’Inter e vorrebbe rimanere, ma gli piacerebbe molto anche giocare la Champions League. Credo che Brozovic rimarrebbe nel caso in cui il club gli offrisse un contratto migliore come meriterebbe, ma non mi pare si stia andando in questa direzione. Da questo posso dedurre che l’intenzione dell’Inter sia quella di venderlo“.

In casa nerazzurra, nonostante il rompete le righe ordinato per il finale di stagione, la situazione rimane dunque bollente. Piero Ausilio è in Inghilterra, e Bicanic ha una chiara idea del perché: “Se è in Inghilterra sarà per vendere Brozovic”, ha risposto l’agente del croato senza tanti giri di parole. Per la causa nerazzurra perdere il suo miglior centrocampista sarebbe  un duro colpo da incassare, soprattutto in vista di una stagione caratterizzata dal doppio impegno, con campionato ed  Europa League. L’altra faccia della medaglia dell’aspetto tecnico è quello monetario: la cessione del 77 croato permetterebbe al bilancio di respirare con una plusvalenza importante da ascrivere in ottica fair play finanziario. Con i giochi del calciomercato ancora non aperti si inizia a delineare il futuro: in caso di cessione di Brozovic la squadra di Mancini dovrebbe ripiegare su un altro centrocampista di qualità, con il solo Banega che potrebbe non essere in grado di colmare il gap tecnico con le altre big italiane.

SHARE