Higuain: “Concentrato sulla Copa America, dopo parlerò con il Napoli”

Higuain: “Concentrato sulla Copa America, dopo parlerò con il Napoli”

higuain

Quali sono i rischi di una grande stagione? Certo i tifosi sognano, ma aumentano le tante pretendenti pronte a fare follie, mettendo sul piatto cifre irrinunciabili. Il caso di Gonzalo Higuain, fresco vincitore della classifica marcatori della serie A con tanto di record polverizzato al netto dei 36 gol realizzati, scuote i tifosi napoletani, che si chiedono insistentemente se il fuoriclasse argentino resterà o meno sotto il Vesuvio.

La lunga estate di calciomercato è già cominciata se è vero che il Psg fa sul serio e sarebbe disposto a mettere sul piatto qualcosa come 60 milioni pur di portare in Francia il Pipita, sostituito designato di Zlatan Ibrahimovic. Sembra infatti che in gran segreto, ma non troppo evidentemente, il direttore sportivo dei parigini Oliver Letang abbia incontrato nei giorni scorsi il fratello procuratore del centravanti azzurro, illustrando l’ambizioso progetto attorno al quale inserire l’ingaggio di uno tra i migliori bomber al mondo. Operazione difficile e complicata, vista l’esistenza di una clausola rescissoria di 90 milioni che liberebbe Higuain in caso di pagamento immediato (al momento la differenza sarebbe dunque di circa 34 milioni). Ci vorrà tempo per capire le reali intenzioni del giocatore e del club del presidente De Laurentiis, intanto sono da registrare le dichiarazioni dello stesso Higuain, direttamente dal ritiro dell’Argentina, dove la Seleccion sta preparando al meglio la prossima Copa America Centenario. “La mia testa ora è concentrata solo sulla Copa America, quando finirà questa competizione parlerò del Napoli. Arrivato in Nazionale pensi solo all’Albiceleste, il mio obiettivo è la Copa America. Ovviamente sono orgoglioso di questo record, era difficile conseguirlo, ma ora devo pensare a vincere un titolo con l’Argentina”.

Il pensiero di Higuain va anche verso chi, come Dybala, si attendeva una convocazione in realtà mai arrivata, con la Juventus che ha già negato alla Joya la possibilità di partecipare ai Giochi Olimpici di Rio in maglia albiceleste. “Voleva giocare perché sa che vestire la maglia dell’Albiceleste è meraviglioso, ma è stata una decisione del suo club, non posso dire molto altro”.