SHARE
Fiorentina - Fonte Twitter ufficiale Fiorentina
Fiorentina - Fonte Twitter ufficiale Fiorentina
Fiorentina - Fonte Twitter ufficiale Fiorentina
Fiorentina – Fonte Twitter ufficiale Fiorentina

L’ex esterno di Udinese e Fiorentina Martin Jorgensen nelle ultime ore è diventato nome nuovo per un possibile riassetto dirigenziale della società cara ai Della Valle. L’ex calciatore danese potrebbe diventare un nuovo dirigente della Fiorentina e, ai microfoni di Lady Radio, ha parlato di questa eventualità e del possibile ritorno a Firenze del direttore sportivo Pantaleo Corvino. Queste le parole di Jorgensen: “Io alla Fiorentina come dirigente? Non so, non ho ancora sentito nessuno. L’ho letto su Internet, ma non ho però avuto alcun contatto con nessun dirigente viola. Se mi dovessero chiamare sicuramente risponderei al telefono, analizzerei il progetto e il ruolo che mi verrebbe affidato. Tra un mese sarò a Firenze, ma sarò in città solo per andare a trovare alcuni miei amici”.

“Per quanto riguarda il ritorno di Corvino alla Fiorentina non so se è già un’operazione conclusa o meno. Credo che nel suo primo mandato abbia fatto un grande lavoro, adesso però le aspettative saranno altissime perché i tifosi si aspettano che possa creare una squadra competitiva, come accaduto nei suoi primi anni a Firenze. Pantaleo era stato bravo a investire sul settore giovanile, a creare una squadra solida insieme all’allora tecnico Cesare Prandelli, con tanti italiani, almeno all’inizio. Poi si passò a cercare quei giocatori che ci potevano regalare il salto di qualità. Corvino veniva spesso negli spogliatoi, alzando anche la voce nei momenti in cui le cose andavano peggio e dimostrando presenza e vicinanza continua. Mi ricordo che quando dovevo rinnovare il contratto litigavamo spesso, ma poi alla fine trovavamo l’accordo. E’ bello giocare a Firenze, ma devi essere preparato a sopportare le critiche. E’ una piazza calda, che ti da tanto ma che devi capire fin da subito. Firenze per me rappresenta una parte importante della mia vita, la più importante da un punto di vista calcistico, dove ho avuto i risultati più belli”.

 

SHARE