SHARE
Eidur Gudjohnsen, fonte: Knattspyrnusamband Islanda. Icelandic Football Federation official Twitter account
Eidur Gudjohnsen, fonte: Knattspyrnusamband Islanda. Icelandic Football Federation official Twitter account
Eidur Gudjohnsen, fonte: Knattspyrnusamband Islanda. Icelandic Football Federation official Twitter account
Eidur Gudjohnsen con la maglia della sua Islanda

Gli Europei di calcio sono alle porte e quella che la Francia ospiterà in questo 2016 sarà la 15/a edizione del torneo. Manca poco all’inizio, tutto pronto: il 10 giugno prossimo si parte, la competizione si chiuderà il 10 luglio. Un mese di emozioni europee. Oggi vi presentiamo l’Islanda dei due tecnici Lagerbäck e Hallgrimsson. Gli Strákarnir Okkar hanno conquistato il pass per Euro2016 qualificandosi come secondi nel gruppo A, questo è il primo Europeo per l’Islanda.

LA SQUADRA – Il duo Lagerbäck-Hallgrimsson ha selezionato 23 giocatori che prenderanno parte alle spedizione europea in Francia. Tra i pali Halldórsson, Jónsson e Kristinsson per un posto da titolare, con il primo che sembra partire in vantaggio rispetto agli altri due. Guidano la difesa gli esperti Sævarsson dell’Hammarby, Ragnar Sigurdsson del Krasnodar, Árnason del Malmö, oltre ad Hermannsson del PSV Eindhoven e Ingason del Lokeren, mentre si gioca le sue carte anche una conoscenza del calcio italiano, Magnússon, attualmente al Cesena in Serie B. In mezzo al campo un bel mix di giovani e di calciatori già navigati, anche grazie all’esperienza nei vari campionati europei: su tutti Gylfi Sigurdsson, centrocampista offensivo dello Swansea di Francesco Guidolin, e l’immortale Eidur Gudjohnsen, ex Barcellona e Chelsea, ora al Molde. Tra gli altri l’ex Verona Emil Hallfredsson, ora all’Udinese, titolare dello schieramento islandese, oltre ad un’altra vecchia conoscenza del calcio italiano, quel Birkir Bjarnason ex Pescara e ora al Basilea. In avanti, vista la presenza di diversi centrocampisti offensivi adattabili nel ruolo di attaccanti, i tecnici dell’Islanda hanno deciso di convocare solo tre elementi: Kolbeinn Sigthórsson del Nantes, Alfred Finnbogason dell’Augsburg e Jón Dadi Bödvarsson del Kaiserslautern.

LA STELLA- Si potrebbe certo menzionare Gylfi Sigurdsson dello Swansea, che ha chiuso l’ennesimo campionato di Premier League con 11 reti realizzate in 36 partite, ma sarebbe impossibile non scegliere Eidur Gudjohnsen come stella di questa selezione: il 37enne aveva dato il suo addio al calcio nel novembre del 2013 per poi tornare in campo nel 2015, giocando anche diverse gare di qualificazione per la competizione europea con la maglia della sua nazionale. L’esperienza in Cina al Shijiazhuang, seppur breve, aveva messo a rischio la presenza di Gudjohnsen al torneo, poi a febbraio il trasferimento al Molde e la convocazione per Euro2016. Il giusto tributo ad una leggenda del calcio islandese, che tra l’altro ha contribuito in modo significativo alla qualificazione dei suoi agli Europei. Dopo la sua ultima esperienza al Fulham in Premier League, Gudjohnsen ha giocato in Grecia ed in Belgio prima di comunicare il suo ritiro, per poi cambiare idea: prima il Bolton, vecchio amore, poi l’Asia ed infine il Molde. Dieci presenze ed una rete in Norvegia, ora la prima competizione europea con la maglia della sua Nazionale: per l’ex Barcellona e Chelsea 81 presenze e 25 reti in Nazionale, il più prolifico di tutti i tempi.

LA STORIA – L’Islanda si è resa protagonista di una crescita continua, grazie soprattutto alla buona base fornita da quella che era la formazione Under-21 che nel 2011 si qualificò agli Europei in Danimarca. Qualche problema di troppo, invece, negli anni passati
: nel 1964, nel 1968 e nel 1972 l’Islanda non riuscì mai a conquistare il pass per la competizione europea, ma le prime vittorie nelle successive gare di qualificazione iniziarono a portare all’attenzione del calcio europeo gli Strákarnir Okkar. Grandi e significativi i progressi degli ultimi anni. Gli uomini di Lars Lagerbäck avevano già sfiorato un’impresa arrivando a giocare gli spareggi per il Mondiale del 2014, che sfuggì contro la Croazia dopo aver chiuso il girone secondi in classifica. Un altro secondo posto conquistato questa volta è valso la qualificazione per il prossimo Europeo di Francia, il primo in assoluto per l’Islanda.

I CONVOCATI – La lista dei 23 convocati dal duo Lagerbäck-Hallgrimsson per Euro 2016:
Portieri: Halldórsson (Bodø/Glimt), Kristinsson (Hammarby), Jónsson (Sandefjord)
Difensori: Skúlason (OB), Magnússon (Cesena), Hermannsson (PSV Eindhoven), Sigurdsson (Krasnodar), Árnason (Malmö), Ingi Ingason (Lokeren), Sævarsson (Hammarby), Hauksson (AIK)
Centrocampisti: Hallfredsson (Udinese), Gylfi Sigurdsson (Swansea), Gunnarsson (Cardiff), Theódór Elmar Bjarnason (AGF),  Ingvi Traustason (Norrköping), Birkir Bjarnason (Basel), Gudmundsson (Charlton), Eidur Gudjohnsen (Molde), Rúnar Már Sigurjónsson (Sundsvall)
Attaccanti: Sigthórsson (Nantes), Finnbogason (Augsburg), Dadi Bödvarsson (Kaiserslautern)

LA FORMAZIONE TIPO 

Islanda(4-3-1-2): Halldórsson; Sævarsson, Árnason, Sigurdsson, Skúlason; Bjarnason, Gunnarsson, Hallfredsson; Gylfi Sigurdsson; Sigthórsson, Bödvarsson. All.: Lagerbäck-Hallgrimsson

ISLANDA: IL CALENDARIO DELLE PARTITE – Inserita nel Gruppo F, l’Islanda affronterà il Portogallo a St-Etienne il 14 giugno, l’Ungheria a Marsiglia il giorno 18 e l’Austria a Saint-Denis il 22 giugno.

14/06: Portogallo – Islanda (Saint-Etienne)

18/06: Islanda – Ungheria (Marsiglia)

22/06: Islanda – Austria (Saint-Denis)

SHARE