Nazionale: 6-0 alla Fiorentina Primavera, Insigne e 3-5-2

Nazionale: 6-0 alla Fiorentina Primavera, Insigne e 3-5-2

insigne

Buona prova della Nazionale di Antonio Conte nella prova amichevole contro la Fiorentina Primavera, in rete Insigne, El Shaarawy e Zaza

Nel tardo pomeriggio a Coverciano, la Nazionale ha affrontato la Primavera della Fiorentina in un test amichevole in vista dell’imminente Europeo in Francia. Vittoria per 6-0 per gli azzurri di Mister Conte, usciti bene nel fase finale dei tre tempi da 30 minuti ciascuno. Doppietta per Insigne, in gol anche El Shaarawy, Zaza, Bonaventura e Zappacosta. Ancora fuori Thiago Motta e Riccardo Montolivo, entrambi per il problema al polpaccio destro, che stanno cercando di smaltire in tempo prima delle convocazioni definitive.

PARTENZA SENZA GOL – Confermatissimo il 3-5-2 per l’ex allenatore bianconero, il modulo che ha accompagnato la sua avventura a Torino. Pacchetto arretrato interamente juventino con Buffon tra i pali, difesa a 3 con Barzagli, Bonucci e Chiellini. Esterni bassi Candreva e Darmian mentre De Rossi  regolarmente in cabina di regia dopo aver recuperato il fastidio al tendine d’achille, supportato da Florenzi e Giaccherini con avanti Pellè ed Eder. Nonostante buone occasioni, la prima frazione è terminata a rete inviolate, con una buona brova del centrocampista del Bologna Giaccherini, molto meno quella del nerazzurro Eder.

FINALE IN CRESCENDO – Nella seconda frazione Conte conferma il 3-5-2 ma cambia quasi tutti gli interpreti. Marchetti fra i pali, Bonaventura e Parolo interni, De Sciglio ed El Shaarawy sulle corsie e Immobile al posto di Eder. In difesa c’è spazio poi anche per Rugani, Ogbonna e Astori, Jorginho in regia e Zaza a fare coppia in attacco con Immobile. La sblocca il Faraone, poi arrivano le reti di Bonaventura e Zaza. Nella terza ed ultima frazione spazio all’inedito duo formato da Zaza e Insigne, con il partenopeo a segno due volte e apparso in grande spolvero. Il finale in crescendo manda buoni segnali al ct Conte, specie da alcuni giocatori ancora non certi della convocazione, su tutti Lorenzo Insigne.