Rassegna stampa estera: Alves gratis alla Juventus

Rassegna stampa estera: Alves gratis alla Juventus

Prima pagina Sport - Rassegna Stampa
Prima pagina Sport – Rassegna Stampa

Edicola mattutina di Maidirecalcio: ecco la rassegna stampa con i maggiori quotidiani sportivi d’Europa di mercoledì 25 maggio 2016.

Apriamo la nostra rassegna stampa proveniente da tutta Europa con i quotidiani spagnoli. Marca è un tutt’uno con la finale di Champions League (tutta iberica): “Bale punta Milano – Sogno un altro gol in finale”. AS intanto riporta la dichiarazione d’amore alla casa Real da parte di CR7: “Dimenticate il PSG, io resto a Madrid – Cristiano Ronaldo guarda alla finale di Champions League: ‘Se vinciamo sarà una serata storica, se perdiamo un fracasso'”. In Catalogna tutta la stampa si divide sulla corsia laterale della formazione blaugrana, al centro di un intricato affare di mercato, così Mundo Deportivo: “Bellerin per Dani Alves – Il brasiliano, secondo il contratto, potrà liberarsi gratis e i blaugrana si stanno tutelando chiedendo informazioni sul laterale dell’Arsenal”. Più aggressivo Sport: “Alves se ne va gratis alla Juventus e Mascherano può seguirlo – Il verdeoro ci ripensa sull’offerta dei catalani e accetta quella di tre anni della Vecchia Signora. Il Barcellona cerca il suo sostituto in Europa, Bellerin indiziato speciale“.

Dunque la rassegna stampa con la stampa britannica, Mirror Sport titola: “L’occhio di Mourinho su Willian, pronti 60 mln di £ – La stella del Chelsea potrebbe ricongiungersi con il suo vecchio allenatore”. Il Telegraph incita l’Inghilterra in vista di Euro 2016: “Mai più mister faccia simpatica – La nazionale britannica deve essere capace di giocarsela più faccia a faccia con minor timore reverenziale”. chiosa Times Sport: “Euro chance per Rashford – L’infortunio di Sturridge apre le porte della nazionale al giovanotto dello United”.

Concludiamo la nostra carrellata di rassegna stampa con il quotidiano portoghese A Bola: “Antero Henrique può sbattere la porta e andarsene – Triste lotta di potere all’intero del Porto”.

Stefano Mastini