SHARE

sarno foggia

Oggi alle ore 18.00 in scena all’Arena Garibaldi Pisa-Foggia, match valido per l’andata della finale play-off di Lega Pro.

Gara di avvicinamento al ritorno nel grande calcio per le compagini di Gattuso e De Zerbi, dopo diverse stagioni vissute nella terza serie italiana. Si registrerà il tutto esaurito all’Arena Garibaldi per questa prima sfida tra Pisa e Foggia: l’impianto pisano è pronto al record di presenze stagionali, anche per l’arrivo nel settore ospiti dei sostenitori foggiani, pronti a dare spettacolo. In semifinale i nerazzurri hanno eliminato il Pordenone battendolo 3-0 all’andata e pareggiando 0-0 nella gara di ritorno, mentre i satanelli in semifinale hanno superato il Lecce in entrambi i match: 3-2 al Via del Mare e 2-1 allo Stadio Pino Zaccheria. Gattuso deve fare a meno dell’infortunato Polverini, ma recupera Verna, uscito malconcio dalla gara di Pordenone; rosa al completo per De Zerbi, che deve rinunciare solo a Gigliotti e ai lungodegenti Lanzaro e Viola.

Queste le formazioni ufficiali di Pisa-Foggia:

PISA (4-3-3): Bindi; Golubovic, Crescenzi, Lisuzzo, Avogadri; Verna, Di Tacchio, Tabanelli; Varela, Cani, Mannini. All.: Gattuso

FOGGIA (4-3-3): Narciso; Gerbo, Loiacono, Coletti, Di Chiara; Vacca, Agnelli, Riverola; Chiricò, Sarno, Iemmello. All.: De Zerbi

COSI’ GATTUSO, PISA: “Voglio ringraziare la squadra, se siamo qui è merito loro. C’è tranquillità, abbiamo pensato solo a lavorare bene, siamo molto maturati sotto il punto di vista mentale. Negli occhi dei ragazzi non c’era molta tensione, dobbiamo solo pensare a scrivere la storia. Loro hanno qualcosa più di noi, giocano un calcio che in Lega Pro non si vede e hanno una giusta mentalità, ma non sempre vince la squadra più forte. Noi dobbiamo farci trovare pronti e battaglieri. Dobbiamo fare una grande prestazione, senza lasciargli campo e prestando la massima attenzione. Abbiamo speso molto a livello fisico, ma so che non molleremo”.

COSI’ DE ZERBI, FOGGIA: “Ho già in mente l’undici da schierare in campo, ma lo tengo per me. Siamo sereni e consapevoli di giocarci qualcosa di importante, abbiamo il giusto entusiasmo, ma allo stesso tempo siamo consapevoli che non abbiamo fatto ancora niente. Adesso ci attendono due battaglie, daremo il massimo per regalare e regalarci una grande gioia. Non vado dietro ai numeri, avremo il solito atteggiamento di chi vuole fare la partita giocando il nostro solito calcio. Abbiamo otto diffidati che al prossimo giallo salteranno la finale di ritorno, ma la cosa non ci condizionerà”.