SHARE

rosicky repubblica ceca mdc

Stasera  in campo allo Stade Bollaert-Delelis di Lens Repubblica Ceca-Turchia: queste le formazioni ufficiali.

In programma alle ore 21.00 la sfida tra le due squadre del Gruppo D di questo Europeo di Francia: ad affrontarsi la Repubblica Ceca di Pavel Vrba e la Turchia di Fatih Terim. Questa sarà la ventesima sfida tra le due compagini, le due squadre si affrontano per la seconda volta in un torneo internazionale dopo il match di Euro 2008: in quell’occasione vinse la Turchia 3-2 in rimonta grazie alle reti di Arda Turan e la doppietta di Nihat. Le due selezioni si sono sfidate anche alle qualificazioni per Euro 2016: i cechi hanno chiuso al primo posto nel Gruppo A, mentre la Turchia si è qualificata come migliore terza. La Repubblica Ceca deve necessariamente conquistare la vittoria per ottenere la qualificazione arrivando tra le migliori terze di tutti i gironi, ma potrebbe anche terminare in seconda posizione in caso di sconfitta della Croazia contro la Spagna con due reti di scarto. Queste le formazioni ufficiali di Repubblica Ceca-Turchia:

Repubblica Ceca(4-2-3-1): Čech; Kadeřábek, Hubník, Sivok, Pudil; Pavelka, Plašil, Krejčí, Darida, Dočkal; Necid. All.: Pavel Vrba

Turchia (4-2-3-1): Volkan Babacan, İsmail, Hakan Balta, Mehmet Topal, Gökhan, Selçuk, Ozan, Arda, Volkan Şen, Emre Mor, Burak Yılmaz. All.: Fatih Terim

 

COSI’ VRBA, REPUBBLICA CECA: “E ‘un gruppo difficile, perché hanno già affrontato la Spagna e Croazia, le due favorite per il passaggio del turno. La Turchia è un altra squadra difficilissima da affrontare. Chi otterrà i tre punti potrà avere effettive possibilità di passare il turno.”

COSI’ TERIM, TURCHIA: “Sono frustrato e arrabbiato perché sono un essere umano, ma darò le mie risposte più tardi, una volta che sarà tutto finito. Terminiamo il torneo e poi vedremo cosa succede. Tutte queste voci, queste critiche sulle nostre tattiche dovrebbero farmi ridere, ma non ne sono in grado. Un esempio: un professore di storia ha criticato la Nazionale in televisione in un programma che non ha nulla a che fare col calcio. Ho amici insegnanti e quando parlo loro di calcio mi dicono che non hanno nulla da insegnarmi su questo argomento. Ecco perché sono triste. Io non sono necessariamente pessimista perché tre punti sono sufficienti al 90% dei casi. L’obiettivo principale è quello di passare i gironi. Bisogna dire che non è finita, farò il possibile per ricordarlo ai miei giocatori”.

SHARE