SHARE

kahn

Dal campo alla postazione tv. Nulla cambia nel percorso professionale di Oliver Kahn, numero uno della Germania ancora oggi, nonostante i guantoni appesi al chiodo. L’ex portiere tedesco, secondo quanto raccontato dai media turchi, avrebbe attaccato Antonio Conte, oggetto di critiche piuttosto pesanti dopo la sconfitta dell’Italia contro la modesta Irlanda. Per spiegare la clamorosa sconfitta, Kahn avrebbe fatto riferimento al recente passato del selezionatore della nazionale italiano, parlando della sconfitta maturata qualche anno fa dalla Juventus in Turchia, contro il Galatasaray. Un risultato che costrinse anzitempo la Juventus ad abbandonare la Champions league. Un epilogo ancora oggi indigesto che avrebbe spinto Conte a favorire l’Irlanda proprio ai danni della Turchia che, in caso di pareggio o di vittoria dell’Italia, si sarebbe assicurata il passaggio agli ottavi di finale degli Europei:

Antonio Conte è un buon allenatore ma ha perso il duello di proposito contro l’Irlanda –avrebbe dichiarato Kahn a Zdf-. Lui è l’allenatore che è uscito dalla Champions League perdendo per 1-0 contro il Galatasaray a Istanbul e si è vendicato”. Macigni pesantissimi, riportati da diversi siti turchi. Dichiarazioni destinate a far discutere, rincarate dall’analisi tecnica, piuttosto singolare, relativa al gol del definitivo successo irlandese: “Il portiere Sirigu ha fatto una uscita strana nell’occasione del gol ed è venuto volutamente avanti”. L’intervento del portiere azzurro, non irreprensibile in quella circostanza, ha di fatto chiuso il fantasioso cerchio delle accuse, passate sotto traccia in Germania ma rilanciate con forza e decisone dai media turchi, ancora scossi per la cocente ed inaspettata eliminazione. Eppure, la dinamica del match, potrebbe smontare in un attimo il quadro accusatorio. Basti pensare al palo colpito da Insigne a pochi minuti dalla fine. Un’occasione enorme che avrebbe mutato radicalmente l’esito dell’incontro. Poi il gol dell’Irlanda allo scadere del tempo regolamentare e la coda di polemiche turco-tedesche.

SHARE