SHARE

buffon chiellini italia mdc

Il quotidiano sportivo spagnolo ‘Marca’ ha stilato le 5 ragioni per le quali dover avere paura degli azzurri, in vista del match Italia-Spagna in programma lunedì prossimo alle ore 18:00 per i quarti di finale di Euro 2016. Il giornale non considera l’esito della finale degli Europei 2012, nella quale gli iberici travolsero la Nazionale allora guidata da Cesare Prandelli con un sonoro 4-0. Stavolta la musica è diversa, ed oltre a ‘Marca’ anche il ct delle Furie Rosse, Vicente del Bosque, oltre ad alcuni suoi giocatori, hanno avvertito che non sarà facile fronteggiare gli uomini di Antonio Conte ed avere la meglio.

MAESTRI DELLA DIFESA – Per Marca i famosi 5 punti sono tutti fondati e hanno una ragione per non essere sottovalutati. Al primo posto c’è il fattore sorpresa. In  Italia-Spagna i favoriti sono Iniesta e compagni, in virtù delle ultime due edizioni degli Europei vinte (nel 2008 in Svizzera ed Austria e nel 2012 in Polonia ed Ucraina, con in mezzo il Mondiale 2010 in Sudafrica). L’Italia poi è maestra nel contropiede e questo potrebbe aiutarla a sovvertire i pronostici. Punto 2: la difesa. Gli azzurri hanno la capacità di saper rubare il pallone in anticipo per tentare in ogni modo possibile di ripartire in velocità, e la sua retroguardia, secondo Marca, ‘è la più elaborata del torneo grazie all’apporto di elementi esperti come Barzagli, Bonucci e Chiellini’, definiti ‘tre giocatori da battaglia’. Il giornale madrileno metto in risalto anche il fatto che l’Italia abbia subito un solo gol in tre partite giocare, per giunta nel finale, con le riserve in campo e contro una squadra più motivata come l’Irlanda.

I SINGOLI ED I FINALI – Nel terzo punto viene data grande importanza a Graziano Pellè ed Antonio Candreva, ritenuti fondamentali nell’undici titolare degli azzurri perché possono decidere una partita in qualsiasi momento con una singola giocata. Al punto 4 invece si esalta la panchina, con l’Italia che può contare su giocatori come Insigne, Zaza e Thiago Motta, desiderosi di dimostrare il proprio valore. Infine al quinto ed ultimo punto, ‘Marca’ pone in evidenza quella che sembra essere una grande debolezza della Spagna, ovvero il subire il gioco e, nel caso del match contro la Croazia, gol nei minuti finali, al contrario dell’Italia che proprio alla fine ha visto legittimare il successo nella prima partita contro il Belgio mentre in Zona Cesarini ha ottenuto la vittoria sulla Svezia di Ibrahimovic.

SHARE