SHARE

icardi

Dal 5 al 21 agosto le Olimpiadi di rio per chiudere col botto un’estate densa di appuntamenti sportivi importanti. I giochi cominceranno e proseguiranno in concomitanza con l’inizio dei più importanti campionati calcistici europei. Un aspetto che ha messo in evidente imbarazzo club e giocatori. Da una parte l’intenzione delle società di non cedere i loro tesserati in un periodo così delicato, dall’altra la volontà dei calciatori di prendere parte alla manifestazione Olimpica. La via del compromesso non sempre conduce a risultati convincenti eppure la Juventus, con una buona strategia diplomatica, è riuscita a convincere Dybala, inizialmente entusiasta della possibilità di unirsi al gruppo della nazionale argentina, prima di annunciare la retromarcia, suggerita dal club bianconero. Presto il problema potrebbe porsi per altre società italiane, su tutte l’Inter, messa in allerta dalle parole pronunciate dal suo attaccante principe, Mauro Icardi, che in un’intervista concessa ai media argentini, non ha nascosto il desiderio di partecipare alle Olimpiadi con la seleccion albiceleste:

Mi farebbe piacere partecipare ma la decisione spetta esclusivamente all’allenatore. Se mi convocherà, allora parlerò con l’Inter”. E a quel punto potrebbe aprirsi un caso piuttosto spinoso per la società meneghina, alle prese col fortissimo desiderio del ragazzo che spingerebbe per volare a Rio De Janeiro con la nazionale. Qualora l’ipotesi dovesse realmente concretizzarsi, l’Inter si troverebbe costretta a perdere il suo nove dalla fine di luglio agli ultimi giorni di agosto, dando per scontata la qualificazione alle fasi finali dell’Argentina. E riaccoglierebbe ad Appiano un giocatore evidentemente fiaccato dal grande dispendio di energie fisiche e mentali legato alla partecipazione olimpica. Un pericolo che l’Inter proverà a scongiurare per tempo, attraverso una fitta rete di contatti con la federazione argentina e con lo stesso Icardi. E una mano potrebbe arrivare dalla FIFA. Le regole vigenti, infatti, stabiliscono che un club può rifiutarsi di concedere un suo tesserato per le Olimpiadi, vista la concomitanza con l’inizio del campionato.

SHARE