SHARE
L'Islanda festeggia dopo il gol - FOTO: uefa.com
Sigthorsson sigla l'1-2 - FOTO: uefa.com
Sigthorsson sigla l’1-2 – FOTO: uefa.com

Disfatta per Hodgson e i suoi, goduria scandinava: ecco analisi, tabellino e pagelle di Inghilterra-Islanda.

CHIAVE TATTICA – 4-4-3 inglese contro un classico 4-4-2 per gli islandesi: ovviamente la squadra di Hodgson parte forte soprattutto cercando le fasce e verticalizzazioni verso l’area, specialmente da sinistra. Inizio scoppiettante con due gol in pochissimi minuti: l’equilibrio regna sovrano, perché le due squadre si temono e non posseggono certe delle difese impenetrabili. A fare la partita è prevalentemente l’Inghilterra ma la compattezza degli avversari rende obiettivamente difficile costruire una manovra realmente pericolosa: l’Islanda sa soffrire e quando riparte fa malissimo, come dimostra la combinazione nello stretto che manda al gol Sigthorsson, con la complicità di un Hart davvero poco reattivo. La gara è molto godibile: gli inglesi cercano di mantenere il possesso palla ed inventare qualcosa, la squadra di Lagerback fa male praticamente ogni volta che riesce a mettere il muso nella metà campo avversaria. In fase offensiva molto spesso i ragazzi di Hodgson concludono, peccando però di precisione in quasi tutte le occasioni: nella manovra però il cambio di passo non arriva mai e gli avversari si riposizionano spesso senza problemi. Nel secondo tempo l’Inghilterra propone Wilshere al posto di Dier a centrocampo: i Tre Leoni non riescono però a dare gli strappi decisivi in velocità, con un gioco troppo piatto che non impensierisce mai gli avversari. Hodgson toglie un disastroso Sterling inserendo Vardy per creare più densità a centro area, aumentando così il killer instinct della squadra: Alli si sposta a sinistra ed è teoricamente 4-4-2. Sembra cambiare pochissimo, perché l’Islanda continua a mantenersi ordinata e gagliarda come nel primo tempo. L’Inghilterra, irriconoscibile rispetto alla fase a gironi, gioca malissimo e non riesce praticamente mai a tirare. Tutto per tutto per Hodgson: entra il talentino Rashford al posto di Rooney. La mossa però è troppo tardiva: Inghilterra-Islanda termina 1-2 e la Nazionale dei Tre Leoni viene clamorosamente eliminata da Euro 2016.

I PROTAGONISTI – Nell’Inghilterra prova ad essere più pimpante Harry Kane, che con il compagno di club Alli è in effetti il migliore dei suoi per impegno e pericolosità. Buona corsa da parte dei terzini, malissimo invece sia Sterling che Hart. Nell’Islanda il portiere Halldorsson non è irreprensibile ma il centrocampo ha polmoni infiniti: ottima, ad esempio, la prestazione dell’ex Pescara e Sampdoria Bjarnason. Strepitosa anche la gara di Gunnarsson, presente in qualsiasi zona del campo, così come quella di Ragnar Sigurdsson, grandioso sia in difesa che in attacco e sicuramente il migliore in campo in Inghilterra-Islanda.

IL MOMENTO – L’Inghilterra va in vantaggio quasi subito ed in effetti per un’esordiente una mazzata tale sarebbe quasi sempre letale: l’Islanda però mostra una forza mentale da grande squadra e rimonta clamorosamente dopo pochi minuti, portando a termine l’impresa per il resto della partita senza mai soffrire i Tre Leoni.

LA GIOCATA – Ottima l’azione del gol decisivo islandese: al limite dell’aria arriva una conclusione frutto di uno scambio stretto davvero qualitativamente importante. Dal punto di vista negativo assolutamente da sottolineare l’intervento poco convinto di Hart.

 

TABELLINO INGHILTERRA-ISLANDA

FORMAZIONI
INGHILTERRA (4-3-3): Hart 5; Walker 6, Smalling 5, Cahill 5, Rose 6,5; Dier 5,5 (46′ Wilshere 5,5), Rooney 5,5 (86′ Rashford s.v.), Alli 6; Sturridge 5, Kane 6, Sterling 4,5 (60′ Vardy 5,5). All. Hodgson

ISLANDA (4-4-2): Halldórsson 6; Sævarsson 6, Árnason 6, R. Sigurdsson 7,5, Skúlason 6; Gudmundsson 6, Gunnarsson 7, G. Sigurdsson 6, B. Bjarnason 6,5; Bödvarsson 6 (88′ Traustason s.v.), Sigthórsson 6,5 (76′ T. Bjarnason s.v.). All. Lagerback

AMMONITI: G. Sigurdsson, Gunnarsson (IS) – Sturridge (IN)

MARCATORI: 4′ rig. Rooney (IN), 6′ R. Sigurdsson, 19′ Sigthorsson

ARBITRO: Skomina (SLV)

SHARE