SHARE
Nico Rosberg, scuro in volto dopo l'incidente - Fonte: Twitter @F1
Nico Rosberg, scuro in volto dopo l'incidente - Fonte: Twitter @F1
Nico Rosberg, scuro in volto dopo l’incidente – Fonte: Twitter @F1

Primo colpo di scena nel week end austriaco di F1. Nico Rosberg dovrà sostituire il cambio in seguito ad un incidente nelle Fp3 e domani partirà con 5 posizioni di penalità. Ora Hamilton ha la strada spianata per il successo, Ferrari permettendo.

A meno di due ore dalle qualifiche del Gp d’Austria, il week end di F1 regala il primo colpo di scena: Nico Rosberg ha infatti chiuso prima del previsto l’ultina sessione di prove libere per via di un incidente in uscita da curva 2. Il tedesco della Mercedes ha probabilmente rotto la sospensione posteriore sinistra della sua W07 a causa del forte impatto con il cordolo, perdendo di conseguenza il controllo della vettura e andando a sbattere contro il guard rail. Nessuna conseguenza per l’attuale leader della classifica iridata, ma la sua monoposto ha subito diversi danni ed i meccanici saranno costretti a sostituire il cambio, con conseguente penalizzazione di 5 posizioni sulla griglia di partenza.

Una vera e propria tegola per Rosberg, che sino a qui aveva dominato in lungo e in largo le sessione di prove libere, dimostrandosi decisamente più in forma rispetto al compagno di squadra Lewis Hamilton. Ora per il biondo tedesco il destino sarà lo stesso del connazionale Sebastian Vettel, che della penalità sapeva però dall’inizio del week end. Per Hamilton dunque si aprono le porte di una possibile gara da protagonista, visto che il compagno di squadra nella migliore delle ipotesi partirà dalla terza fila domani. In aggiunta resta da verificare se i meccanici Mercedes riusciranno a sistemare al meglio la vettura di Rosberg in vista delle qualifiche, mentre lo stesso pilota dovrà essere bravo a non perdere calma e concentrazione a causa di questo problema.

Per la cronaca, l’ultima sessione di prove libere si è chiusa con le due Ferrari a guidare il gruppo: Sebastian Vettel ha chiuso in  1’07″098, tempo ben al di sotto del record della pista, staccando il compagno di squadra Kimi Raikkonen di 136 millesimi e la Mercedes di Hamilton di 210. Alle loro spalle si sono piazzate le Red Bull padrone di casa, ma sia Ricciardo che Verstappen accusano ritardi superiori al mezzo secondo. Segnali incoraggianti per una Ferrari ancora a caccia del primo acuto stagionale.

SHARE