SHARE
Bonucci in contrasto su Muller FOTO: @Germany Football Team - Die Mannschaft
Bonucci in contrasto su Muller FOTO: @Germany Football Team - Die Mannschaft
Bonucci in contrasto su Muller FOTO: @Germany Football Team - Die Mannschaft
Germania-Italia: Bonucci in contrasto su Muller FOTO: @Germany Football Team – Die Mannschaft

Dopo l’1-1 dei 120 minuti di gioco, Ozil e Bonucci in gol nel secondo tempo, si decide ai calci di rigore il quarto di finale tra Germania-Italia. La lotteria dei rigori premia i tedeschi, che passano in semifinale

LA CHIAVE TATTICA – A Bordeaux Germania-Italia scendono in campo con moduli speculari per questo quarto di finale di Euro 2016. Se Antonio Conte prosegue la sua strada, è il tecnico dei tedeschi Joachim Loew a modificare l’assetto tattico iniziali dei suoi. 3-5-2 sia da una parte che dall’altra, con uomini e interpretazioni assolutamente opposte. Una Germania molto simile al Bayern Monaco di Guardiola per impostazione tattica e giropalla, con le azioni che partono direttamente dai piedi di Neuer, ostacolato però dalla pressione alta degli Azzurri. Davanti al trio difensivo Howedes-Boateng-Hummels, c’è Toni Kroos in cabina di regia, molto ben ostacolato dal centrocampo italiano. Kimmich e Hector esterni bassi, mentre davanti Ozil svaria alle spalle di Muller e Gomez. L’Italia opta un solo cambio rispetto alla sfida vittoriosa contro la Spagna, con Sturaro interno al posto di De Rossi, con Parolo in cabina di regia. L’organizzazione difensiva degli Azzurri è encomiabile come per tutto il torneo, con il possesso pallo tedesco che va puntualmente ad infrangersi contro il muro tricolore.

Nella ripresa la manovra tedesca s’intensifica ulteriormente, aumentando la velocità nei pressi dell’area di rigore, con più giocate di prima e scambi rapidi. Dal canto suo l’Italia, come accaduto contro la Spagna, dopo la prima ora di gioco comincia a perdere di qualità in fase di ripartenza, figlia di un leggero ma determinante calo fisico. La rete di Ozil al 65’ avrebbe messo ko qualsiasi squadra, ma l’Italia ritrova delle energie insperate, e 10 minuti dopo trova immediatamente il pari con Bonucci, glaciale dal dischetto.

I tempi supplementari proseguono sulla falsa riga dei tempi regolamentari, con la Germania che spinge l’Italia nella propria metà campo, senza trovare però gli sbocchi decisivi, specie dopo l’uscita dal campo di Mario Gomez. Gli Azzurri, stremati, gettano il cuore oltre l’ostacolo, si affidano spesso a Pellè, monumentale contro la difesa tedesca per far salire la squadra e spezzare la pressione dei campioni del mondo.

SEQUENZA RIGORI – Insigne Ita (GOL), Kroos Ger (GOL), Zaza Ita (ALTO), Muller Ger (PARATO), Barzagli Ita (GOL),  Ozil Ger (PALO), Pellé Ita (FUORI), Draxler Ger (GOL), Bonucci Ita (SBAGLIATO), Schweinsteiger Ger (ALTO), Giaccherini Ita (GOL), Hummels Ger (GOL), Parolo Ita (GOL), Kimmich Ger (GOL), De Sciglio Ita (GOL), Boateng Ger (GOL), Darmian Ita (PARATO), Hector Ger (GOL)

I PROTAGONISTI – Ennesima prova prodigiosa della difesa italiana, da capitan Buffon a uno strepitosa Bonucci, decisivo dal dischetto, più Barzagli e Chiellini che ingaggiano un duello infinito con Muller e Ozil, rispedendo sempre gli attacchi al mittente. Grandissima prova di Parolo, che non trema di fronte al centrocampo tedesco, stoico lo stesso Pellè, bravo a congelare il pallone nei momenti decisivi del match per far rifiatare i suoi.

IL MOMENTO – Quando l’Italia sembrava spacciata, leggerezza clamorosa di Boateng che salta in area a braccia larghissime e concede il penalty. Glaciale Bonucci dal dischetto che riporta in vita gli Azzurri.

LA GIOCATA – Pochi minuti dopo il gol di Ozil, l’Italia è come un pugile alla corde, ad un passo dal subire il colpo del ko. Nel momento più difficile per gli Azzurri è immenso Gigi Buffon che, su una conclusone in area piccola di Gomez, con la mano destra spinge la sfera sopra la traversa.

IL TABELLINO

Germania-Italia 1-1 (7-6 d.c.r.) [65’ Ozil (G), 78’ Bonucci rig. (I)]

GERMANIA (3-5-2): Neuer; Höwedes, Boateng, Hummels; Kimmich,  Kroos, Khedira (dal 15’) Schweinsteiger, Ozil,  Hector; Muller, Gomez (dal 72’) Draxler. Ct. Loew.

ITALIA (3-5-2): Buffon; Barzagli, Bonucci, Chiellini (dal 120’) Zaza; Florenzi (dal 87’) Darmian, Parolo, Sturaro, Giaccherini, De Sciglio; Eder (dal 107’) Insigne, Pellè. Ct. Conte.

SHARE