SHARE
Fonte: profilo twitter @Vivo_Azzurro
Fonte: profilo twitter @Vivo_Azzurro
Fonte: profilo twitter @Vivo_Azzurro

Germania-Italia non è mai una partita come le altre. Le due Nazionali, tra le più titolate in campo europeo e mondiale, si sfideranno questa sera a Bordeaux per un posto in semifinale a Euro 2016, in quello che sarà il trentaquattresimo episodio di una saga infinita. I tedeschi non sono mai riusciti a batterci in tornei ufficiali, un record negativo che spiega in maniera assai esemplificativa il motivo per il quale l’Italia viene vista come “il più grande incubo calcistico”; ricorrente, ogni qualvolta in palio c’è qualcosa di importante, meno quando ci si sfida in gare amichevoli, buone soltanto ad aggiornare gli almanacchi e statistiche.

PRECEDENTI 33 partite, 8 successi tedeschi, 15 italiani, 10 pareggi. Cabala e precedenti favorevoli pendono decisamente dalla parte della Nazionale di Antonio Conte, sconfitta sonoramente dalla Germania nell’ultimo incontro amichevole disputato a Monaco di Baviera lo scorso 29 marzo. Un 4-1 pesante da digerire in ottica Euro 2016, che tuttavia oggi sembra non rappresentare un precedente di cui tener conto, considerata l’importanza e la posta in palio di un match come quello di stasera. Fu proprio il medesimo risultato, ottenuto dall’Italia di Lippi nel 2006 nell’amichevole di Firenze, a spianare la strada verso il quarto titolo mondiale in terra tedesca. Chissà che stavolta siano i nostri avversari a credere nel potere dei corsi e ricorsi storici, alla ricerca di un successo sempre sfuggito negli appuntamenti importanti. Dal 4-3 del 17 giugno 1970 a Città del Messico, al 3-1 nella finale di Madrid nel 1982, passando per i pareggi del ’62, ’88 e ’96, fino alla palpitante semifinale di Dortmund 2006 vinta dagli azzurri ai tempi supplementari, e quella ancora una volta appannaggio della nostra Nazionale decisa dalla doppietta di Mario Balotelli nell’Europeo 2012.

AMULETO INFALLIBILE Ad ognuno il suo, per carità, ma noi ci teniamo stretto quella rappresentato dalla maglia azzurra, contrapposta alla classica divisa bianca della Germania. Anche stasera, all’appuntamento con la storia, ci arriviamo con i colori che hanno contrassegnato i tanti successi degli anni scorsi. Impossibile chiedere di meglio per chi è attaccato alla scaramanzia, spesso mischiata con i temi della vita quotidiana, elemento imprescindibile lungo la strada per il successo. Germania-Italia si gioca anche così’.

 

SHARE