SHARE
Fonte: accout ufficiale facebook @SimoneZaza
Fonte: accout ufficiale facebook @SimoneZaza
Fonte: accout ufficiale facebook @SimoneZaza

Simone Zaza ieri ha sbagliato uno dei rigori per l’Italia e il web, come spesso capita in casi del genere, non ha perdonato prendendolo di mira.

Come ormai appurato, quella di ieri non è stata una gran serata per l’Italia, eliminata ai rigori dai Campioni del Mondo della Germania dopo una lotteria tirata e sorprendente. Ben quattro i rigori sbagliati dagli Azzurri, con in particolare quello di Pellè risultato essere il più doloroso agli occhi di tutti. Anche il penalty fallito da Simone Zaza, però, è stato protagonista di grossi rimpianti: e il web, come al solito, ne ha approfittato per cogliere l’ironia dell’evento.

L’attaccante della Juventus era entrato appositamente per calciare dagli undici metri nell’ultimo minuto di gara dei supplementari, a scapito di Immobile e De Rossi, forse maggiormente preparati per un momento del genere a questi livelli: ovviamente, il conseguente errore ha scatenato reazioni disparate, anche e soprattutto per via del fatto che Zaza fosse stato inserito unicamente per segnare il penalty. E così, su Twitter, l’hashtag di riferimento è diventato #ZazaDance, peraltro con una gif che sembra aver già conquistato tutti e che viene ironicamente definita come l’emblema della serata azzurra.

via GIPHY

Le reazioni ovviamente non si fermano qui: si va da quelle più simpatiche ed ironiche, le quali sottolineano come “il pallone di Zaza debba ancora atterrare” e ritraggono l’ex Sassuolo nelle vesti di una ballerina, a quelle decisamente più censurabili, con tanti appassionati che attaccano lo juventino anche piuttosto brutalmente per il fatto di non ritenerlo materiale da Nazionale. Un tiro dagli undici metri può fare la differenza nella carriera di un calciatore e certamente Simone Zaza, dopo ieri sera, l’avrà capito: inutile e deleterio addossare le colpe della sconfitta su un solo giocatore, l’esperienza servirà al ragazzo per migliorare. Intanto il web, tra il serio e il faceto, continua a celebrare la sua “danza”.

SHARE