SHARE
FOTO: @Italbasket
FOTO: @Italbasket
FOTO: @Italbasket

L’Italbasket trionfa nella prima gara del Preolimpico, superando una Tunisia brava a resistere nel primo tempo, ma crollata nel 3/o quarto

Quintetti base Italia-Tunisia:

Italia: Belinelli, Hackett, Gallinari, Datome, Bargnani All. Ettore Messina

Tunisia: Roll, Knioua, Chennoufi, Ghyaza, Braa All. Mohamed Tlatli

1/o Quarto: La prima frazione di gioco inizia con l’asse Belinelli-Gallinari piuttosto calda, capace di racimolare un decisivo vantaggio nei primi 10′ minuti di gioco. Una Tunisia piuttosto fallosa tra l’altro manda quasi subito gli Azzurri in bonus, capaci quindi di portarsi avanti grazie ad alcuni viaggi in lunetta. Ritmi di gara però bassi, con gli africani bravi a restare in corsa, senza rischiare di vedersi scappare davanti Datome e compagni. La difesa di casa però è abile ad addormentare la manovra degli uomini di Tlatli, spesso bravi a costruire le loro idee, senza però trovare tiri puliti o finendo per scadere oltre i 24′ secondi. Anche per questo El Mabrouk risulta decisivo con le sue conclusioni dall’arco dei tre punti, con la risposta italiana targata Gentile, offensivamente straripante al momento del suo ingresso. (Ita 19-12 Tun)

2/o Quarto: Anche la seconda frazione di gioco si svolge sulla falsariga della prima, con un Tunisia capace a reggere difensivamente la spinta italiana. La formazione africana resta infatti ancora una volta in corsa, mantenendo più o meno lo stesso deficit in termini di punti. Grazie ai liberi di Ghyaza la formazione di Tlatli si trova addirittura a -2 dall’Italia, grazie ad un ottimo break, interrotto solo dall’ottima tripla di Belinelli, che risveglia gli Azzurri dal torpore. Proprio la guardia dei Sacramento Kings conclude il 1/o tempo con ben 11 punti, ma 0 assist, evidenziando le sue scelte piuttosto individualistiche in fase di conclusione. (Ita 32-27 Tun)

3/0 Quarto: La pausa fra primo e secondo tempo risulta essere decisiva per la conclusione del match. Al rientro dal 2/o quarto infatti gli Azzurri di Ettore Messina decidono di portare a casa il risultato, cambiando decisamente marcia grazie a Belinelli e Bargnani in forma smagliante. Il lungo dell’NBA cambia infatti volto, tornando ad essere il vero valore aggiunto della formazione. Altro fattore determinante però è anche la difesa, con i padroni di casa capaci di limitare a sole conclusioni da fuori gli africani: per ben 8 minuti infatti i biancorossi non mettono a segno neanche un punto. Il vantaggio azzurro può quindi consolidarsi decisivamente nella 3/a frazione di gioco. (Ita 54-29 Tun)

4/o Quarto: Nell’ultima frazione di gioco, con l’Italia ormai lanciata verso la vittoria, spazio alle seconde linee. Aradori entra bene in gara, sfruttando la sua abilità nelle conclusioni da 3 punti, mentre Cusin e Melli lottano alla grande sotto canestro. Grazie a qualche errore di foga gli avversari trovano qualche tiro dalla lunetta, ma la loro manovra offensiva va via via scemando, soprattutto dopo il colpo subito nella terza frazione di gioco. A livello offensivo anche gli Azzurri però rallentano i ritmi, preferendo risparmiare le energie in vista dei prossimi e ravvicinati match. La stanchezza di Datome costringe poi Messina a schierare nel finale un quintetto poco carismatico e più votato alla difesa, concedendo più spazio alla Tunisia. (Ita 68-41 Tun)

Tabellino di Gara:

Italia-Tunisia 68-41

 

Statistic Leaders: 

Italia: Bargnani (15 punti) – Gallinari (9 rimbalzi) – Melli (3 assist)

Tunisia: El Mabrouk (11 punti) – Braa (9 assist) – Roll (5 assist)

SHARE