SHARE
Islanda
Fonte: Twitter @UEFAEURO

La favola dell’Islanda ad Euro 2016 si è chiusa nel peggiore dei modi, con una roboante sconfitta per 5-2 contro i padroni di casa della Francia. Il c.t Lagerback è però fiducioso per il futuro.

Nell’anno in cui il Leicester vince la Premier League, il cammino dell’Islanda ad Euro 2016 ha fatto sognare tutta Europa. Niente lieto fine questa volta, colpa di una Francia padrona di casa che non ha fatto sconti alla cenerentola del profondo nord. Il c.t dell’Islanda Lagerback ha analizzato la sconfitta al termine della partita, riconoscendo che forse l’emozione ha giocato un brutto scherzo ai suoi:”Abbiamo affrontato un’ottima squadra che ci ha fatto apparire peggiori di quello che siamo. Nel primo tempo abbiamo fatto male, eravamo paralizzati forse perchè ci trovavamo ad un passo da un qualcosa di molto grande, il nostro però resta un cammino fantastico”.

L’Islanda ha affrontato con onore il peso della sconfitta, non mollando di un centimetro per tutta la partita – tifosi compresi – e riuscendo a salvare l’onore con 2 gol che hanno reso meno doloroso il parziale: “La Francia è un po’ calata nella ripresa ma noi comunque abbiamo dimostrato di saper giocare al calcio. Adesso ovviamente può esserci un po’ di scoramento, ma non dobbiamo dimenticare che è stato un viaggio meraviglioso”. Quello dell’Islanda non è l’exploit di una squadra materasso, ma piuttosto il frutto di un progetto partito da lontano, di anni di duro lavoro volto a colmare il gap con il calcio del continente. Secondo il c.t Lagerback, che di calcio e di nazionali se ne intende, Gunnarsson e compagni sono attesi da un futuro luminoso che porterà loro altre soddisfazioni: “Il futuro mi sembra buono. Abbiamo alcuni giovani che non hanno giocato in questo Europeo ma che proveremo a far crescere. Sono molto orgoglioso di questo gruppo, è stato facile allenare questi ragazzi, si sono migliorati continuamente”.