SHARE

padoin cagliari mdc

Il Cagliari nella prossima stagione punterà su un gruppo d’acciaio e su calciatori esperti per  rimanere in Serie A: al senatore Marco Storari si sono aggiunti il centrale difensivo lusitano Bruno Alves, fino a pochi anni fa conteso dalle big d’Europa, e Simone Padoin, pentacampione d’Italia con la maglia della Juventus. E’ proprio l’estremo difensore dei rossoblu, che nella  scorsa stagione ha accettato la retrocessione di categoria pur di giocare, a parlare ai microfoni di tuttocagliari.net: “L’età? Non me la sento. Ho entusiasmo, la fatica non mi pesa, penso di continuare a giocare sino a quando fisico e testa risponderanno. Padoin? Se fossi un allenatore lo vorrei sempre con me, è un ragazzo di grande affidamento. Bruno Alves? Sono contento di avere in squadra un campione d’Europa. La Serie A è un campionato diverso dalla B, ma ci portiamo dietro quanto di buono fatto l’anno scorso”.

Parole di elogio da parte di Storari per l’ex compagno di squadra, che con la  maglia bianconera ha fatto di necessità virtù reinventandosi in molti ruoli: arrivato dall’Atalanta come esterno di centrocampo Padoin ha giocato da mezzala destra e sinistra, da terzino ed addirittura da centrocampista centrale, ruolo nel quale ha attirato moltissime critiche dopo le sconfitte della Juventus nell’avvio della scorsa stagione.

Adesso, dopo cinque anni di onorato servizio come soldatino sempre pronto a sacrificarsi alla Juventus, ha deciso di chiudere la carriera con la maglia rossoblu, da titolare e possibilmente trascinatore di una squadra ambiziosa. Per quanto riguarda Storari, l’estremo difensore romano dovrà vedersela con Rafael, arrivato dal Verona, per una maglia da titolare: Cragno, rientrato dal prestito, probabilmente partirà ancora una volta per altri lidi, in serie minori dove potrà guadagnare sicurezza ed esperienza. Nell’isola adesso il molto sognano un colpo in attacco: la coppia composta da Melchiorri e Sau ha ben figurato in Serie B, ma Giulini è determinato a cercare un profilo di categoria. E con un Borriello svincolato…