SHARE
Cristiano Ronaldo - Portogallo-Galles, Euro 2016
Cristiano Ronaldo - Portogallo-Galles, Euro 2016

van gaal giggs

Il Manchester United, Solskjaer e quella volta che Cristiano Ronaldo fece infuriare Ryan Giggs per via di una Coca Cola.

Prendiamo un vecchio volpone, veterano del Manchester United e vero e proprio uomo-simbolo per compagni, addetti ai lavori, stampa e tifosi e poniamolo di fronte ad un ragazzino appena ventenne, estremamente talentuoso ma anche molto irriverente. Il mix che ne viene fuori è quasi inevitabile. Questo potrebbe essere tranquillamente il caso di Cristiano Ronaldo e Ryan Giggs. Il gallese, capitano e leader in campo e fuori dei Red Devils si ritrovò di fronte un ragazzo tanto forte quanto immaturo come CR7. La crescita del fenomeno di Funchal fu inizialmente complicata da un adattamento a ritmi e regole british non tipicamente nelle sue corde. L’infallibile tecnica del bastone e carota adottata in primis dal mentore Ferguson e a seguire dai senatori come Giggs e Neville ha però evidentemente dato i suoi frutti.

Bastone e carota

E’ innegabile però che prima di maturare CR7 ci abbia messo un bel po’. I richiami non mancavano di certo. Un curioso episodio avvenuto diversi anni fa proprio tra Giggs e Ronaldo è stato rivelato da Jan Åge Fjørtoft. L’ex calciatore e commentatore televisivo ha riportato un episodio che gli avrebbe raccontato Ole-Gunnar Solskjær.

Spalle al muro

Stando infatti ad una indiscrezione riportata oggi dal Daily Mirror quando CR7 giocava ad Old Trafford ebbe una lite del tutto singolare con Giggs. Il motivo scatenante? Una semplice Coca Cola. Secondo quanto rivelato dal giornale britannico infatti l’ex fenomeno gallese si arrabbiò tanto col lusitano in una mattina in cui tornò da un allenamento con una Coca Cola. L’ex numero undici dei Red Devils spinse quindi il portoghese verso il muro intimandogli di “non farlo mai più“.

Un aneddoto come tanti utilissimo a capire quanto sia importante avere calciatori ed uomini esperti al fianco di giovani fenomeni. Giggs ebbe di certo insieme a Ferguson un peso importantissimo nella crescita di CR7.